Interviste

Interviste dal Pisa 1909

PISAGaetano Masucci è tornato al gol ma non è bastato per la vittoria finale. Ecco la sua disamina.

di Antonio Tognoli

“Sembrava la giornata perfetta quando ho segnato. Purtroppo però non siamo riusciti a gestire questo vantaggio, un pò per bravura loro un pò per demerito nostro”

“La squadra ha dimostrato che sta crescendo nelle prestazioni. A caldo fa male pareggiare così, ma sappiamo gestire l’emergenza e lo abbiamo già dimostrato in altre occasioni”.

“Con Fabbro mi sono trovato bene, riesco a dialogare bene con lui. Su Vido l’avevo visto giocare e nei primi allenamenti ha dimostrato di essere un ottimo attaccante, mi piace perché è intelligente e sa muoversi. Sa giocare con l’altro e attaccare gli spazi. Ottima mossa della società che condivido in pieno”.

“Sul finale ho visto quello che è successo con Marconi. Michele è stato più una vittima ed è stato colpito da Troest, per me i cartellini non sono stati giusti. Spero che le immagini possano parlare e che non ci sia una punizione severa”.

PISAGiovanni Corrado ha parlato nel dopo gara dell’Arena dopo il pari con la Juve Stabia.

di Antonio Tognoli

“Oggi con la Juve Stabia il risultato avrebbe dovuto essere più rotondo avremo meritato la vittoria. Sono però risultati che vanno accettati l’importante è che da domani si pensi al prossimo impegno”.

“Sono risultati ed episodi che succedono. Mister D’Angelo e Riccardo sono stati colpiti da influenza e con 39 di febbre hanno voluto esserci e loro più di altri meritavano questi tre punti”.

“Al di là degli episodi dobbiamo imparare a stare tranquilli e non farci prendere dal nervosismo e complicarci ulteriormente le cose”.

“Valuteremo se è il caso di comprare ancora. Non è detto che arrivi qualcuno, sicuramente nessuno andrà via”.

PISA – A margine della sfida del Vigorito parla il nuovo attaccante del Pisa Luca Vido.

di Maurizio Ficeli


“Sono contento di essere a Pisa e della squadra. Contro il Benevento abbiamo colto un pareggio in un campo importante. Una partita di grande personalità e caratteriale. Abbiamo fatto una grande partita e conquistato un grande punto” .

“A Crotone non ho trovato le alchimie giuste nonostante abbia sempre dato il massimo, ma ringrazio tutti per avermi fatto crescere. Ora sono a Pisa per dare il cento per cento per questa maglia”.

PISA – Al termine della gara del “Ciro Vigorito” fra Benevento e Pisa, terminata 1 a 1 parla il mister nerazzurro Luca D’Angelo, commentando così il risultato di parità conquistato dalla propria squadra sul campo della capolista.

di Maurizio Ficeli


“Abbiamo giocato un grandissimo primo tempo dove il risultato ci stava anche parecchio stretto, un secondo tempo un po’ sofferto ma I ragazzi sono stati bravi ed il risultato è giusto”.

“Benedetti e Belli hanno avuto un attacco febbrile durante il viaggio, ma alla vigilia per fortuna avevo provato anche altre soluzioni”.

“Ci vuole un po’ di tempo per Meroni che ha avuto un grosso infortunio, mentre Belli sarebbe stato pronto ma la febbre ha avuto il sopravvento. Per Ingrosso sembra una piccola distorsione alla caviglia, ma arriveranno due difensori”.

“Pisano si allena con noi, valuteremo le sue condizioni fisiche perché su quelle tecniche non si discute, anche se l’ho visto bene. Soddimo, pur piccolo di statura, è un combattente, sa trascinare i compagni”.

“Marconi sarebbe stato pronto anche contro i sanniti ma ho preferito aspettare e mettere Moscardelli, ma con la Juve Stabia giocherà una porzione di partita”.

PISA – Benevento – Pisa sarà la super sfida della prima giornata di ritorno del campionato di serie B che torna dopo la sosta. Per presentarci il match di questa sera alle ore 21 al Ciro Vigorito abbiamo intervistato un doppio ex Stefano Dicuonzo, che appese le scarpe al chiodo,fa parte dello staff di mister Piero Braglia al Cosenza.

di Maurizio Ficeli

D. Grazie, Stefano, per la tua disponibilità, di cosa ti occupi attualmente?

R. “Faccio parte dello staff di mister Piero Braglia al Cosenza, dove rivesto il ruolo di aiuto tecnico, che consiste nell’organizzazione e nella programmazione degli allenamenti insieme appunto al Mister, all’allenatore in seconda ed ai preparatori, coordinandoci tutti quanti”.


D. Quindi hai chiuso con il calcio giocato?


R. “Si, ho smesso, l’ultimo anno da calciatore è stato nel Roccella, squadra calabrese di serie D.”

D. Pur essendo originario del Piemonte, vivi da anni in Calabria, come mai?


R. “Si, sono nato a Torino vivo lì da 10 anni, precisamente a Catanzaro Lido, dove lavora la mia ragazza che è di Crotone e che conobbi quando giocavo nel Catanzaro, quindi una scelta dettata dal cuore”.

D. Ritornando al tuo ruolo di aiuto tecnico, mirerai senz’altro in futuro ad un traguardo più ambizioso, vero?

R. “Ho già preso un primo patentino, quello di Uefa B, poi più avanti conto di prenderne un secondo, e più avanti spero di arrivare ad allenare, anche se intanto questa esperienza che sto facendo al Cosenza è importante per imparare i trucchi del mestiere”.

D. Come ti trovi a lavorare al fianco di un tecnico esperto quale Piero Braglia?

R. “Mi trovo molto bene con lui, lo conosco da tanti anni, e poi quello del Cosenza è un ambiente dove si lavora davvero bene sia con lui, con l’allenatore in seconda e con tutto lo staff tecnico, quindi per me un’esperienza positiva in tutti i sensi”.

D. Che ricordi porti con te della tua esperienza a Pisa?

R. “Di Pisa ho dei ricordi bellissimi, da voi sono stato molto bene, anche se quell’anno con mister Braglia in serie C non riuscimmo ad ottenere quello che ci eravamo prefissati, però io porto con me il ricordo di una bella piazza, di una bella realtà e di una tifoseria appassionata. Si, purtroppo, ebbi un infortunio e l’anno dopo rimasi fuori rosa, ma io cerco di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno, quindi, ripeto, ho ricordi positivi”.


D. C’è qualche episodio od aneddoto che ti è rimasto impresso di quegli anni? 

R.” Più che episodi od aneddoti, amo ricordare in particolare la gente più umile che mi è rimasta impressa, quindi oltre ai tifosi, penso ai magazzinieri Claudio Gavina e Claudio Del Guerra, oppure al custode del campo, persone che erano davvero l’anima del Pisa, malgrado le difficoltà che c’erano”.

D. Senti ancora qualche compagno di quel periodo in nerazzurro?

R.” Si, capita di sentirmi con parecchi compagni di quel tempo, tipo Antonio Montella, Simone Fautario, Paolino Rozzio, Pippo Costa e Stefano Morrone che tra l’altro è qui di Cosenza”.

D. Sei un ex del Benevento, prossimo avversario del Pisa, cosa ci puoi dire di quell’ambiente?

R.” Benevento è un’altra bella realtà ed è indubbiamente la squadra accreditata a salire in serie A, anche se molto dipenderà da come affronteranno le prime 6 o 7 partite del girone di ritorno. Credo però che il Pisa possa metterli in difficoltà, anche perché dopo la sosta si azzera tutto, condizione fisica ed altre componenti che possono incidere, quindi penso che i nerazzurri possano dare fastidio ai giallorossi sanniti, anche perché il Pisa parte sempre a duemila, però quando certi ritmi vanno ad abbassarsi ed il dispendio di energie diventa alto, bisogna che da parte dei nerazzurri ci sia un po’ più di attenzione “.

D. Cosa ti ha colpito in particolare della squadra allenata da Mister Luca D’Angelo?

R.” Mi ha colpito, appunto, come affrontano i primi 20/30 minuti di ogni partita, quando riescono ad essere molto aggressivi, specialmente in casa “.

D. Con il mercato di gennaio sono arrivati due nuovi acquisti, il centrocampista Danilo Soddimo dalla Cremonese e l’attaccante Luca Vido dal Crotone via Atalanta, cosa ne pensi di questi due nuovi inserimenti?

R.” Sia il centrocampista che l’attaccante sono due giocatori che potranno dare una mano notevole alla causa nerazzurra”.

D. Tornando al Benevento, cosa ti ha colpito in particolare?

R. “Direi la concretezza, i giallorossi sono stati capaci di raddrizzare alcune partite in extremis, il Benevento è una squadra sempre in partita con giocatori di categoria superiore, possiedono qualità, basta citare centrocampisti del calibro di Viola, ma anche altri giocatori della rosa”.

D. Quale atteggiamento dovrà adottare il Pisa per poter uscire da Benevento con un risultato positivo?

R. “I nerazzurri dovranno cercare fin da subito di alzare i ritmi della gara, sarà importante cercare di portarsi in vantaggio, concedendo il meno possibile agli avversari e sfruttando le minime occasioni che possono capitare, bloccando più spazi possibili agli avversari, anche perché il Benevento come qualità ha dimostrato di essere superiore, quindi sarebbe deleterio lasciargli il pallino del gioco”.

PISA – Alla vigilia della gara di Benevento che sancisce per il Pisa la ripresa del campionato di serie B parla mister Luca D’Angelo.

di Giovanni Manenti

INTERPRETARE BENE LA GARA. “La differenza dalla gara di andata sta nella nostra euforia all’esordio mentre oggi loro stanno facendo un torneo straordinario, ma noi dobbiamo cercare di fare punti e se interpreteremo bene la gara pensiamo di poterci riuscire”.


VIDO E SODDIMO PRESENTATI BENE. “La squadra ha lavorato bene affrontiamo la squadra più forte del campionato e speriamo di fare una buona partita, con Vido e Soddimo che si sono presentati bene sia dal punto di vista fisico e motivazionale e penso che domani potranno essere impiegati anche se non dall’inizio, così come Marconi che parte con la squadra e potrà trovare anche spazio”.

AYA IMPORTANTE OFFERTA. “La cessione di Aya è figlia di una importante offerta che la società non poteva rifiutare, e pur avendo fatto bene nell’andata, cercheremo un difensore centrale che lo possa sostituire al meglio e possibilmente più aggressivo in fase di impostazione”.

BENEVENTO SQUADRA FORTE. “La forza del Benevento è sia nei singoli che nell’organizzazione di gioco e bisogna pertanto prestare molta attenzione per tutti i 90′, con in più il rientro a pieno regime di Belli che è pienamente recuperato e poteva già giocare col Frosinone, non essendo sceso in campo al posto di Birindelli perché qualora fossimo passati in svantaggio la presenza di Siega ci avrebbe aiutato”.

CESSIONI FISIOLOGICHE. “Le cessioni di Liotti e Di Quinzio sono fisiologiche per una squadra professionista, ma di loro porterò sempre il ricordo della loro professionalità e del loro attaccamento alla maglia, la cui massima espressione si è avuta nella finale playoff di Trieste”.

PISA – In sala stampa a commentare il prezioso pareggio contro il Frosinone l’allenatore in Seconda del Pisa Riccardo Taddei, che sostituiva Luca D’Angelo che doveva prendere l’aereo per tornare a casa.

Continue reading…

PISANicholas Siega e Marius Marin commenta il buon punto ottenuto all’Arena contro il Frosinone.

Continue reading…

PISA – Alla vigilia della sfida contro il Frosinone parla il tecnico del Pisa Luca D’Angelo.

Continue reading…

ASCOLI – Ha lottato come un leone Michael Fabbro attaccante nerazzurro schierato da mister D’Angelo nella gara contro l’Ascoli dal primo minuto.

Continue reading…

ASCOLI – Al termine della gara al “Lilli del Duca” il mister nerazzurro Luca D’Angelo analizza la seconda sconfitta della propria squadra.

Continue reading…

PISA – Una gioia amara per Samuele Birindelli il primo gol in serie B, in una giornata negativa per il Pisa battuto 3-1 dal Cosenza del suo ex mister Piero Braglia.

di Antonio Tognoli

“Il gol è stata una gioia amara, rovinata dalla sconfitta e dall’ammonizione che mi farà saltare la partita di Ascoli. Non ci aspettavamo un Cosenza così. Il gol ci aveva dato fiducia, 

PISA – Il tecnico del Pisa Luca D’Angelo analizza il match perso contro il Cosenza.

di Antonio Tognoli

“Abbiamo fatto un brutto primo tempo sotto tanti punti di vista. Obiettivamente abbiamo fatto una brutta gara. Dal punto di vista tattico ci hanno messo in difficoltà. Sia Baez che Machach ci hanno messo in grande difficoltà. Il mio obiettivo visto la non grande giornata era quello di limitare i danni nel primo tempo e provare a rimontare nella ripresa ma non è andata così. Forse se Moscardelli avesse segnato il rigore avremo potuto raccontare un altra cosa, anche se il Cosenza ha meritato di vincere”.

“Il campionato di serie BKT è un campionato molto equilibrato, tutte le partite sono difficile e a parte il Benevento sarà dura per tutti”.

“Le assenze ad Ascoli saranno tante però ma non deve essere un alibi. Contro il Cosenza Minesso, Fabbro e Di Quinzio hanno avuto un buon impatto con la partita e giovedì potranno tornarci comodo”

PISA – Nel dopo gara dell’Arena dopo la sconfitta contro il Cosenza, spazio alle parole di Alessandro De Vitis.

di Antonio Tognoli

“Innegabile che abbiamo fatto un brutto primo tempo. Peccato perché volevamo dare continuità alla sfida di Trapani. Di oggi teniamoci la bella reazione della ripresa. È stata una giornata storta e sfortunata non vogliamo alibi però niente è girato per il verso giusto. Abbiamo subito ad Ascoli l’occasione per rifarci”.

PISA – Dopo la sconfitta in casa nerazzurra contro il Cosenza parla Giovanni Corrado.

di Antonio Tognoli

“Il primo tempo non è stato all’altezza di questa squadra. L’approccio non è stato buono e non credo fosse un problema fisico. È stato un passaggio a vuoto da dimenticare in fretta. Abbiamo fatto una brutta prima frazione di gara”.

“La classifica è molto equilibrata e secondo me durerà per molto a parte il Benevento che fa un campionato a parte. Le insidie sono dietro l’angolo e specialmente noi che siamo una neo promossa dobbiamo stare concentrati e pensare ai prossimi impegni contro Ascoli e Frosinone”.

PISA – Alla vigilia della sfida contro il Cosenza parla davanti a microfoni e taccuini il tecnico del Pisa Luca D’Angelo. Contro il Cosenza partirà un miniciclo che proseguirà con la gara di Ascoli e quella di domenica prossima contro il Frosinone.

Continue reading…

TRAPANI – Al termine della gara del “Provinciale” parla il mister nerazzurro Luca D’Angelo.

Continue reading…

TRAPANI – Ad inizio gara Luca Verna faceva parte dei tre centrocampisti nel 4-3-2-1 disegnato da mister Luca D’Angelo poi dopo l’uscita di De Vitis è stato spostato davanti alla difesa.

Continue reading…