Cattedrale di Pisa, Si montano i ponteggi interni per il restauro della cupola

PISA – Mentre proseguono i lavori di restauro all’esterno della Cattedrale di Pisa, in questi giorni l’Opera della Primaziale Pisana ha iniziato a montare i ponteggi interni, che consentiranno di intervenire sulla cupola e sulle pareti sottostanti.

I lavori di montaggio dei complessi ponteggi dureranno circa due mesi. Sino alla metà di novembre le impalcature che serviranno a realizzare il vero e proprio cantiere, non consentiranno di accedere nella zona presbiteriale e quindi l’attività liturgica non potrà svolgersi all’altare maggiore della chiesa. Dalla metà di novembre in poi la zona sarà liberata e l’attività liturgica potrà riprendere a svolgersi regolarmente.

I ponteggi si potranno però dire conclusi solo intorno alla metà dicembre. E soltanto allora, osservando da vicino le condizioni della cupola, sarà definito con precisione il lavoro di intervento che andrà fatto. L’Opera della Primaziale Pisana garantisce che i lavori si concluderanno entro il 2018, anno che vedrà numerose celebrazioni in occasione dei 900 anni della consacrazione della Cattedrale.

Una volta definito con precisione il protocollo di intervento, con una gara si assegnerà il compito di svolgere i lavori di restauro ad una ditta esterna, che dovrà mettere in campo un rilevante numero di restauratori. Il personale dell’Opera della Primaziale Pisana specializzato è, infatti, già impiegato nel restauro degli affreschi del Camposanto Monumentale e nel restauro lapideo esterno della Cattedrale stessa.

Già ad una prima stima gli interventi necessari sono di vario tipo. Primo tra tutti saranno restaurati gli intonaci alti della navata centrale e le pareti degradate del sottocupola. Saranno inoltre accertate le condizioni della cupola, sia delle parti dipinte che dell’intonaco stesso. Infine sarà valutata la possibilità di ricollocare nelle vele del sottocupola gli affreschi staccati negli anni ‘60 dall’allora soprintendente Sanpaolesi.

By