Centri di raccolta, tre centri mobile “riciclati” in cam automatizzate attive tutti i giorni 24 ore su 24

PISA – Una cam è già a Marina di Pisa, in via dell’Ordine di Santo Stefano, da ieri mattina. Un’altra, invece, è stata posizionata oggi in via Alessandro da Morrona, nel quartiere di San Marco, mentre la terza sarà collocata all’inizio della prossima settimana in via Tino da Camaino, la strada che corre parallela lungo la ferrovia che separa il quartiere di Porta a Lucca da quello di Gagno.

Sono occorsi quasi tre mesi di lavoro in officina e un investimento di cento mila euro per trasformare i tre centri di raccolta mobile (Cam) destinati ai rifiuti speciali (quali lampade e toner di stampanti, ma anche pile e batterie di auto solo per fare qualche esempio), che fino a dicembre scorso per funzionare richiedevano necessariamente la presenza di un operatore, in centri automatizzati attivi 24 ore su 24.

Le tre Cam vanno ad aggiungersi alle due nuove, acquistate dall’amministrazione comunale nel dicembre scorso con un investimento di 250mila euro, e in funzione dall’inizio dell’anno che si trovano, rispettivamente, in Largo Marinai d’Italia, a Porta a Mare, e in Piazza Caduti di Cefalonia, in zona Piagge.

Dunque dalla prossima settimana saranno cinque i centri di raccolta automatizzati e in funzione per l’intero arco delle ventiquattro ore destinati, come accennato, ai cosiddetti “rifiuti speciali”. Nel dettaglio si tratta di lampade, batterie per le auto, vetro, flaconi vuoti, toner di stampanti, bombolette spray, pile, oli vegetali e apparecchiature elettriche non pericolose. Per tutte le altre tipologie di rifiuti, invece, rimangono in funzione le tre stazioni fisse attualmente in funzione che si trovano in via Pindemonte, nel quartiere di Pratale, sotto il Ponte alle Bocchette a Putignano e in via delle Giunchiglie a Tirrenia.

Sotto una foto della Cam posizionata in via Alessandro da Morrona, nel quartiere di San Marco

20140606-184049.jpg

By