Il centro gioco e l’asilo nido di Volterra difesi dal sindaco Buselli

Volterra – Il trasferimento di alcuni dipendenti da una struttura all’altra. Alle polemiche risponde il sindaco Buselli.

Il primo cittadino sostiene: «Il Centro Gioco e l’asilo nido hanno la stessa dignità e, per quanto ci riguarda, affermiamo con forza che non c’è alcun “svilimento” delle professionalità nello spostamento di personale. Il Centro Gioco e l’asilo nido hanno la stessa dignità e, per quanto ci riguarda, affermiamo con forza che non c’è alcun “svilimento” delle professionalità nello spostamento di personale, a seconda delle esigenze organizzative, funzionali, ma anche di carattere economico». Ad affermarlo in risposta a quanto dichiarato dai sindacati il Sindaco Marco Buselli.

«Mentre una dipendente si occuperà delle questioni relative al coordinamento pedagogico all’interno dell’ente – spiega Buselli – le altre due andranno a svolgere lo stesso lavoro al Centro Gioco. Anche parlare di “privatizzazione” dei servizi pubblici non ha davvero alcun senso. La struttura che adesso gestiamo in proprio verrà gestita, per esigenze funzionali ed organizzative, tramite cooperativa, mentre quella che gestiamo tramite cooperativa, sarà gestita tramite dipendenti pubblici. I rapporti nel complesso rimangono invariati, considerando che peraltro ci sono nuove esigenze come quella del coordinamento pedagogico del nido. Un’attività che a questo punto rimane nella piena competenza dell’ente con la supervisione del coordinatore dipendente comunale. Affermare infine – conclude Buselli che il trasferimento di dipendenti pubblici al Centro Gioco umilia le professionalità esistenti è grave perché teorizza la volontà di classificare le strutture per i bambini in servizi di serie A e di serie B, cosa che invece l’Amministrazione comunale non ha la minima idea di avallare».

By