Cerimonia di commemorazione del bombardamento del 1943 a Pisa

PISA – Si sono svolte sabato 31 agosto, le cerimonie per commemorare il bombardamento della città del 1943.

La giornata di ricordo ha previsto la deposizione di una corona d’alloro sulla lapide che ricorda i caduti sul lavoro, vittime del bombardamento sulla fabbrica di idrovolanti, a Marina di Pisa, nella chiesa di Maria Ausiliatrice, piazza Maria Santissima Ausiliatrice.

Poi, presso il Sostegno del Canale dei Navicelli a Porta a Mare Commemorazione per il bombardamento del ’43. si è svolta la commemorazione con la deposizione di una corona di alloro sulla lapide che ricorda le vittime, alla presenza delle istituzioni cittadine e militari, tra cui il sindaco di Pisa Michele Conti, che è intervenuto ricordando la tragicità del 31 agosto di 76 anni fa e la necessità di riportare alla memoria ancora oggi quella data, il Prefetto e il Questore di Pisa, rappresentanti di Guardia di Finanza e Brigata dei paracadutisti, il Comandante della 46^ Brigata Aerea Iadicicco, il Comandante dei Carabinieri Bellafante, la vicepresidente della Provincia di Pisa, il presidente del Consiglio Comunale Gennai e il presidente del Comitato Provinciale di Pisa dell’Anpi Possenti.“

Una corona di alloro è stata infine deposta all’asilo Beltram, di fronte alla chiesa di San Giovanni al Gaetano a Porta a Mare dove è seguita la Messa.

SAINT GOBAIN RICORDA BOMBARDAMENTO. Per ricordare i 56 dipendenti Saint-Gobain Glass caduti nel corso del bombardamento del 31 agosto 1943, lo stabilimento di Pisa ha osservato questa mattina un momento di raccoglimento. Alla presenza della Direzione di Stabilimento e delle Rappresentanze Sindacali Unitarie, è stata posta una corona d’alloro sul cippo commemorativo.

La ricorrenza è stata particolarmente sentita, anche perché quest’anno ricorrono i 130 della presenza di Saint-Gobain in ITALIA. E la storia di Saint-Gobain nel nostro Paese è iniziata proprio con la costruzione dello stabilimento per la produzione del vetro a Pisa, avvenuta nel lontano 1889.

By