Certosa Festival, tutto pronto per il primo concerto

CALCI – Dopo l’anteprima del 8 luglio “75 anni dell’Assemblea Costituente” che ha visto il prof. Saulle Panizza discettare su questo organo legislativo al quale si deve la stesura della nostra Costituzione repubblicana  insieme al Presidente provinciale dell’ANPI, Bruno Possenti, e all’Assessore alla Cultura del Comune di Calci Anna Lupetti, la XXI edizione del Certosa Festival sotto la direzione artistica di Salvatore Ciulla, entra nel vivo con il primo dei concerti in programma, VOODOO KID E LAI in programma sabato 10 luglio alle ore 21 presso il teatrino degli Ulivi di Calci anche quest’anno messo a disposizione da don Antonio Cecconi della U.P. Valgraziosa.



Voodoo Kid incarna perfettamente – nel sound, nell’immaginario, nelle tematiche – la generazione cresciuta a cavallo tra i millennials e la generazione Z che vive con coraggio, ostinazione e un irrefrenabile impeto verso tutto ciò che prova.Una generazione libera, fluida e genderless che non conosce barriere per l’amore, che non ha paura di mostrare i propri sentimenti, di buttarli in faccia addosso al mondo intero senza vergogna. La libertà è insita nel suo nome: scegli di chiamarsi kid, che è un termine neutro, slegato da ogni appartenenza di genere, perché ama definirsi più attraverso quello che è – una “mai adulta” come si presenta lei – piuttosto quello che sembra. Da Brescia è volata a Londra per studiare musica con ottimi risultati. Il suo stile musicale la rispecchia in pieno, con un sound definibile tra R&B, urban e pop che si ispira a sonorità e colori di progetti che ama come Billie Eilish, The Weeknd, Frank Ocean, SZA e Lana Del Rey. cercando di dare forma e concretezza alle idee…

Michele Lai nasce e scappa daLa Spezia per studiare ingegneria elettronica all’Università di Pisa e per scoprire, non senza sforzo, che tutti quei circuiti gli avrebbero dato al cervello, se non inquadrati nell’unica branca dello scibile in grado di scaldargli il cuore: la musica. Registra, mixa e masterizza in autonomia, a casa, il disco della sua prima band Stakatown, come inconsapevole incipit di un percorso di scoperta e riscoperta, soprattutto interiore. Composizione e scrittura-dalla chitarra al basso alle DAW -accelerano e maturano nel 2019 grazie al percorso intrapreso con la cantante italo-greca Marina Mulopulos (Almamegretta,Malfunk,Tilak…): la voce e il suo utilizzo diventano centrali nelle produzioni, forte è l’influenza della musica nera e RnB, di un certo hip hop ricercato e degli immancabili anni Ottanta dai quali nessuno di noi uscirà mai completamente. All’inizio del 2020 l’incontro con il giovanissimo batterista Giovanni Todaro, pisano classe‘96, dà vita – breve ma intensa, il tempo di alcuni live estivi – al duo VAIORA. Da qualche mese è stata approntata una multi-accessoriata sala di presa casalinga, dalla quale prenderanno le mosse le registrazioni di un EP completamente auto-prodotto che uscirà in estate. Trasformato il cognome in moniker, LAI ha rilasciato un primo singolo con videoclip annesso : “Kafka” . Il 5 marzo uscirà il secondo singolo “Il dolce di mamma”.

Anche quest’anno ingresso gratuito e prenotazione obbligatoria (certosafestival@gmail.com).

By