Chiara Rugani (Aurora Catering): “Brutto momento, ma c’è tanta voglia di ripartire”

PISA – Continuano le interviste da parte di Pisanews, che stavolta è andato a sentire come stanno affrontando questa situazione di Covid 19 gli operatori nel campo della ristorazione e dell’organizzazione eventi. A tal proposito, abbiamo contattato la Dott.ssa Chiara Rugani, Event Manager di Aurora Catering, società con sede operativa a Cascina con show room a La Fontina, il cui titolare è Antonio Campanale, noto anche nell’ambiente del Pisa Sporting Club perché si occupa della parte ristorativa legata alla squadra, a partire dagli spazi area Vip, Area Hospitality dell’Arena Garibadi.

di Maurizio Ficeli 


Antonio Campanale

D. Di che cosa si occupa nello specifico la vostra ditta di catering? 

R. “Noi siamo una azienda di catering ed organizzazione eventi, facciamo eventi di ogni tipo a partire da eventi privati come matrimoni e cerimonie varie, fino all’ambito del congressuale, inoltre, con gli eventi aziendali serviamo le aziende più rinomate del territorio pisano, lucchese e fiorentino”.

D. Come è strutturata la vostra azienda? 

R. “Il cuore dell’azienda, la nostra sede operativa, si trova a Cascina: lì abbiamo i nostri laboratori di cucina, panificazione e pasticceria, gli uffici e i magazzini, con tutto il materiale necessario ad allestire un evento secondo ogni tipo di esigenza e stile. A Ghezzano abbiamo invece il nostro show room, dove i nostri clienti possono scegliere gli allestimenti per i propri eventi, e la sala degustazione di ultima generazione dove facciamo vivere ai nostri clienti vere e proprie esperienze culinarie e sensoriali”.


Area Hospitality Arena Garibaldi

D. In che modo avete risentito di questa situazione di difficoltà?

R. “Siamo stati colpiti da questo blocco dell’attività perché questa situazione ha portato i nostri clienti a spostare i propri eventi agli ultimi mesi del 2020 e alla prossima stagione 2021″.

D. Come vi siete organizzati per affrontare questo periodo particolare? 

R. “Noi ci siamo ovviamente organizzati tramite sistemi telematici, nel senso che abbiamo sostituito gli appuntamenti nel nostro Show Room, con delle videochiamate che abbiamo attivato da quando è iniziato lo stato di lock down. Abbiamo allestito un set apposito per far vivere ai nostri futuri clienti anche da casa l’emozione di poter creare un evento e personalizzarlo, anche se a distanza. Siamo stati vicini a tutti i nostri clienti supportandoli e aiutandoli in un momento cruciale per la realizzazione dei loro eventi”.

Valle di Badia (BUTI)

D. In che modo organizzate solitamente questi eventi matrimoniali? 

R. “Iniziamo con un primo appuntamento conoscitivo nel nostro show Room, dove capiamo meglio le esigenze dei nostri clienti, per proseguire poi con una serie di appuntamenti incentrati alla scelta del menu, all’apparecchiatura, alla scelta della torta nuziale e di tutti gli aspetti fondamentali per poter cucire su misura ad ogni singola coppia tutto ciò che serve per il loro giorno più importante“.

D. Alla luce di questo blocco avrete dovuto sospendere tutto.. .

R “Purtroppo si, nonostante comunque da metà febbraio abbiamo avuto le prime avvisaglie di eventi congressuali ed eventi aziendali rimandati in autunno. Ma non parlerei troppo di questo blocco, piuttosto della voglia e dell’energia che abbiamo per la ripartenza. Non vediamo l’ora di poter tornare ad abbracciare tutti i nostri clienti e costruire con loro giornate di festa spensierate, lasciandoci alle spalle questa tragica esperienza che ha colpito il nostro paese“.

D. A livello economico avete quantificato le perdite subite?  

Abbiamo scelto un lavoro dove prima della parte economica conta la parte emozionale, il mondo della ristorazione per eventi si basa su emozioni uniche che vivono i protagonisti di quell’evento per cui non ci siamo concentrati su questo aspetto, ma subito su come poter tornare il prima possibile a far vivere emozioni uniche a chi ha scelto o sceglierà Aurora Catering“.

D. Dalle istituzioni avete avuto qualche indicazione riguardo ad una possibile ripartenza? 

R. “Purtroppo no, nel senso che ad esempio quando ci sono coppie di futuri sposi che ci chiamano per avere notizie non siamo in grado di dare risposte certe sulla ripartenza e sulle misure che dovremo adottare alla ripartenza. Detto questo, noi cerchiamo di tranquillizzare i nostri clienti e noi siamo pronti a ripartire, con tutto l’entusiasmo possibile, siamo pronti ad adottare tutte le norme di sicurezza che ci verranno richieste dal nostro governo“.

D. Quali sono le vostre aspettative a livello governativo? 

R.”La nostra speranza è quella che ci possa essere più chiarezza nell’immediato  futuro e che ci vengano date delle linee guida più specifiche per poter ripartire nel più breve tempo possibile, sempre tutelando noi stessi e i nostri clienti

By