Chirurgia d’urgenza, il mondo vi aspetta, primo via libera dagli ispettori internazionali

PONTASSERCHIO – Superato il primo step, occhi puntati alla scadenza del 20 maggio prossimo, quando al termine di una esercitazione finale, secondo standard internazionali, il Gruppo di Chirurgia di Urgenza Onlus Pisa riceverà il via libera dagli Ispettori Internazionali per poter operare in ogni parte del mondo, là dove disastri e calamità naturali lo dovessero richiedere. Intanto, in attesa della certificazione Emt2, questa mattina, il nuovissimo Pronto Soccorso Chirurgico, reduce da una attenta valutazione di carattere logistico da parte degli ispettori, ha aperto le porte del Parco della Pace di Pontasserchio alle autorità e all’intera cittadinanza.

Una cerimonia semplice ed emotivamente coinvolgente, utile ad illustrare il livello di avanguardia di questo nuovo ospedale, reso possibile grazie al sostegno economico del Dipartimento della Protezione Civile e della Regione Toscana. Venti posti letto, differenziato nei reparti adulti, suddiviso tra uomini e donne, e pediatrico, l’ospedale funziona con 54 persone tra personale medico, infermieristico e addetto alla logistica. Un campo dotato di dispositivi per potabilizzare e riscaldare l’acqua, concentratori di ossigeno, inceneritore di rifiuti speciali e tutto quanto necessario per partire in appena sei, otto ore dall’alert dell’emergenza, anche grazie all’utilizzo di materiali leggerissimi e impermeabili, come le tende pneumatiche e ignifughe prodotte a Bientina. Semplicemente perfetta l’organizzazione dei volontari del G.C.U. di Pisa, nel giro di un’ora capaci di allestire la stanza di stabilizzazione, in appena tre ore la sala operatoria, qualunque sia lo scenario di intervento.

Stringe le dita la presidente del G.C.U. Augusta Nepi: “Non vediamo l’ora di essere di nuovo operativi. Entro maggio speriamo di ottenere questa certificazione ed essere di nuovo operativi. Vorrei che si capisse che è una enorme sforzo, abbiamo un debito di gratitudine verso la Protezione Civile e la Regione Toscana che con i loro soldi ci hanno permesso di ripartire. Ma il nostro grazie va a tutti coloro, come Confcommercio Pisa, con il quale abbiamo iniziato un promettente cammino di collaborazione, e con lo stessocomune di San Giuliano Terme,con un progetto di coinvolgimento delle scuole”.

Apprezzamento per il lavoro svolto è giunto dalla responsabile della Regione Toscana dell’attività di Cooperazione Sanitaria InternazionaleDott.ssa Maria José Caldés Pinilla. Soddisfazione è stata espressa dallapresidente di Confcommercio Provincia di Pisa Federica Grassini,che ha rinnovato “la disponibilità ad una collaborazione con la G.C.U. una assoluta eccellenza di Pisa e dell’intera regione”.

By