Cinema. A Marina di Pisa si gira il corto “L’ultimo crocevia” ispirato ad un fatto di cronaca di casa nostra

MARINA DI PISA – Per una settimana, da lunedì scorso 12 novembre e sino a sabato 17 novembre, il litorale pisano, da Marina di Pisa fino a Tirrenia e Calambrone, con la “scena madre” che si svolge ad un passaggio a livello in via Fagiana, è il luogo di riprese del cortometraggio “L’Ultimo Crocevia“, presentato giovedì 15 novembre presso il Caffè Zenit di Marina di Pisa, alla presenza dell’Assessore alla Cultura del Comune di Pisa, Andrea Buscemi.

di Giovanni Manenti
TRAMA ISPIRATA AD UNA STORIA VERA. La produzione, che si è svolta grazie alla collaborazione di “Toscana Film Commission” e con il supporto della Sede distaccata sul litorale del Comune di Pisa e del Porto di Pisa, si ispira ad una vicenda realmente avvenuta nella nostra zona e della quale venne a suo tempo dato ampio risalto dalla stampa locale, vale a dire l’omicidio, da parte di Simone Paolini, nell’agosto 2015, del suo ex collega Davide Giuliani durante un tentativo di rapina al Palabingo di Navacchio, reato dal quale il Paolini è stato assolto nel marzo del corrente anno con formula piena, avendo il giudice riconosciuto di avere lo stesso avuto per legittima difesa.
I PROTAGONISTI.

Paolo Lobbia, il regista, laurea breve in Scienze statistiche, attuariali ed economiche, ha studiato presso la Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti di Milano, alla sua prima esperienza in un cortometraggio di cui ne è anche lo sceneggiatore insieme a Davide Cogni, mentre i produttori sono Marco de Martinis, lo stesso Paolo Lobbia, Marcello Merletto ed Elia Tombacco, direttore di produzione è Valentina Fiamma della “Gothacom”, una “video boutique” di Milano orientata al design, un team di producer, autori, designer, animatori e artisti digital dal 2001.

Andrea Bosca, conosciuto sugli schermi TV italiani per le celebri serie televisive come; “I Medici” e “Il Capitano Maria” entrambi della RAI, ma in particolar modo per la sua interpretazione nella celebre serie TV americana della FOX “Qantico” che lo vede a fianco della protagonista Priyanka Chopra. Bosca ha alle spalle anche un grande curriculum teatrale e in questo cortometraggio interpreta il ruolo di Giorgio.

 Claudio Lobbia è l’altro protagonista in scena, diplomato alla scuola del Piccolo Teatro nel 1981, ha alle spalle un curriculum prettamente teatrale, nella sua carriera ha curato la regia di vari spettacoli, fra cui “L’histoire du soldat” di Stravinskij. Ha interpretato il ruolo di protagonista nel “Timone d’Atene” di Shakespeare per la regia di Lia Chiappara. Il passaggio in TV lo ha visto partecipare a film, sceneggiati e sit com per la RAI e Mediaset . In questa occasione interpreterà il ruolo di Marco.

LA TRAMA. Vede protagonista Marina di Pisa, rappresentata nel film come una tranquilla località del litorale toscano, che d’estate si popola di turisti e balneari. Qui vive da sempre Giorgio, un tipico ragazzo di provincia. Giorgio ha 30 anni e lavora come metronotte per una società di trasporto valori. Cresciuto nell’indolenza, ha avuto un figlio troppo presto e ora si trova a fare un lavoro che odia per pochi soldi. Vive con il costante desiderio di fuggire da questa vita ma senza la determinazione per cercare un’alternativa.  Quando scopre che il suo collega e amico Marco di 55 anni farà il giro con il portavalori, Giorgio vede un’opportunità per dare finalmente una svolta alla sua vita, ma il suo piano non filerà liscio.

LA PAROLA AI PROTAGONISTI

Ogni volta che viene fatto qualcosa di valorizzazione del territorio è utile alla causa per una Pisa che viene sempre più scelta come location per la produzione cinematografica ed in particolare per Marina di Pisaafferma Andrea Buscemiche ha bisogno di ritornare a quei livelli di notorietà che aveva conosciuto in passato, per poi essere parte attiva nel rilancio del cinema italiano“.
Il personaggio che interpretoafferma Andrea Boscami vede nei panni di una persona che vuole essere protagonista, senza riuscirci, nella vita, e le sue problematiche sono legate anche alla sua volontà di essere d’aiuto alla sua famiglia e, dal mio punto di vista recitativo, mi trovo a calarmi nella mente di chi deve soddisfare una necessità a discapito del compimento di una azione illegale, nel tentativo di recuperare agli errori in precedenza commessi”.
La storia realmente avvenuta dice Carlo Lobbiaè servita a mio figlio per trovare lo spunto per la trama che però non si identifica nel fatto di cronaca nera, se non nella dinamica del delitto, bensì nel rapporto tra due amici, oltre che colleghi, che si conoscono da tempo e che poi si conclude in tragedia dove è il “buono” a commettere l’omicidio. Si tratta di una sceneggiatura molto bella ed il lavoro introspettivo degli attori è stato molto importante perché soprattutto il protagonista, che è Andrea Bosca, si ritrova a fare una scelta difficile, tra la famiglia e l’amico, nel compiere o meno questa rapina e che quindi ha determinato un lavoro molto meticoloso da parte degli attori. La casa di produzione è la “Gothacom”, nella persona di Marco De Marinis, che è uno dei produttori, assieme ad un Collettivo Creativo denominato “A 8”, di cui fanno parte lo stesso regista Paolo Lobbia, il Direttore della fotografia Marcello Merletto e l’Editor Elia Tombacco, i quali hanno investito del denaro per la produzione di questo corto“.
La trama si ispira ad una storia veraafferma Paolo Lobbiavale a dire di un portavalori che viene assalito da un collega, fatto di cronaca che abbiamo usato come base per affrontare una vicenda che vede due amici vivere una situazione in cui si intrecciano problemi familiari ed economici sino ad una scelta travagliata che poi si concluderà in tragediaIl titolo del cortometraggio – continua Paolo Lobbia – non è ancora definitivo, per ora quello pensato è “L’ultimo crocevia“, che contiamo di concludere, dopo la fine delle riprese, il prossimo gennaio 2019 per una durata oscillante tra i 15′ ed i 25′ per poi presentarlo a diversi Festival del Cinema Internazionale quali Cannes, Venezia, Toronto e Torino, per poi desiderare proiettare lo stesso anche a Pisa e Marina nel periodo primavera/estate 2019 per un giusto riconoscimento ai luoghi che ci hanno ospitato“.
By