Cinquecento imprenditori manifestano sotto la Torre. Consegnato al. Prefetto il documento per una diversa gestione della pandemia

PISA – Circa 500 imprenditori, liberi professionisti, dipendenti, collaboratori, fornitori e semplici cittadini sono scesi in piazza per la mobilitazione regionale #salviamoleimprese, organizzata congiuntamente da Confcommercio e
Confesercenti in Piazza dei Miracoli.

I partecipanti hanno formato una simbolica catena umana sotto la Torre di Pisa per chiedere una diversa gestione della pandemia e affermare il principio che salute e lavoro possono convivere.


Una manifestazione ordinata e pacifica, organizzata nel rispetto delle distanze di
sicurezza e delle normativa anti-Covid, che si è conclusa con la consegna al prefetto
di Pisa Giuseppe Castaldo, da parte della presidente di Confcommercio Provincia
di Pisa Federica Grassini e del presidente area pisana di Confesercenti Toscana
Nord Luigi Micheletti, di un documento con le richieste delle imprese del terziario
per una diversa gestione della pandemia.


Il prefetto ha ringraziato le associazioni di categoria per le modalità con cui è stata
organizzata la manifestazione, e si è impegnato a presentare al Governo il documento con le richieste degli imprenditori, sintetizzate in dieci punti:

1 Ristori immediati parametrati alla perdita di fatturato;

2. Riapertura immediata in sicurezza di tutte le attività chiuse;

3 Moratoria fiscale per gli anni 2020 – 2021;

4. Proroga della cassa integrazione e della moratoria dei mutui e finanziamenti
fino al 31 dicembre 2021;

5. Rimodulazione delle locazioni commerciali e blocco degli sfratti;

6. Taglio del cuneo fiscale che grava sulle imprese;

7. Creazione di un piano “ripartenza” per il terziario;

8. Vaccinazione immediata di imprenditori e addetti al terziario;

9. Pagamento immediato di tutti i bonus ristori e indennizzi sospesi;

10. Passaporto sanitario europeo per spostamenti Ue.

By