CNR-Anci: tre milioni di euro per le città “Smart”

PISA – I presidenti del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), Luigi Nicolais, e dell’Associazione nazionale comuni italiani (Anci), Piero Fassino, hanno firmato l’accordo di collaborazione tra Cnr e Anci che include anche le linee guida per la selezione di tre comuni italiani che saranno trasformati in vere e proprie ‘smart cities’, nell’ambito del Progetto CNR “Energia da fonti rinnovabili e Ict per la sostenibilità energetica”.

Marco Conti, direttore del dipartimento “Ingegneria, Ict e tecnologie per energia e trasporti, e dirigente di ricerca dell’Istituto di informatica e telematica (Iit) del Cnr di Pisa spiega: “Il bando è promosso dal Cnr in collaborazione con l’Anci, il progetto intende studiare e sperimentare una serie di soluzioni innovative per rendere le città sostenibili grazie all’uso di fonti rinnovabili e alle tecnologie per la gestione avanzata dei flussi energetici che renderanno i servizi efficienti adattandoli alla domanda, favorendo il risparmio e l’uso razionale con il coinvolgimento consapevole dei cittadini”.

I comuni che desiderano candidarsi dovranno fornire informazioni sui loro impianti di illuminazione pubblica, come richiesto dal bando di selezione. Potranno partecipare i capoluoghi di provincia con almeno 100.000 abitanti, i Comuni medio-piccoli con meno di 7.000 abitanti e i centri turistici marittimi e montani inclusi in un elenco redatto dall’Anci. Saranno requisiti preferenziali la presenza di zone a traffico limitato e di impianti di produzione di energie rinnovabili, mentre saranno esclusi i Comuni che non siano proprietari dell’impianto di illuminazione pubblica o già finanziati dal ministero dell’Istruzione, università e ricerca per progetti Smart Cities. La domanda dovrà pervenire entro il 9 agosto 2013, secondo le modalità pubblicate sul sito www.smartcities.cnr.it.

Domenico Laforenza, presidente dell’Area della ricerca del Cnr di Pisa aggiunge: “L’auspicio è che le città ed i comuni toscani partecipino al bando perché il contributo di un milione di euro per ogni città selezionata dal bando, è l’opportunità vera e concreta per dar corpo alle progettualità “smart” che spesso rimangono solo sulla carta. La smart city è sinonimo della qualità della vita per i cittadini, qualità che passa per i servizi erogati al cittadino con più efficienza”.

“Le città dovranno farsi carico esclusivamente delle spese di installazione di tecnologie e strumentazione, che saranno messe a disposizione dal Cnr in comodato d’uso gratuito grazie a un investimento di circa un milione di euro per ognuno dei tre comuni selezionati”, sottolinea il presidente del Cnr, Nicolais.

Il bando è scaricabile dal sito: www.smartcities.cnr.it
20130712-004457.jpg

You may also like

By