Warning: fopen(/var/www/new.pisanews.net/wp-content/uploads/wp-file-manager-pro/fm_backup/index.php): failed to open stream: Permission denied in /var/www/new.pisanews.net/wp-content/plugins/wp-file-manager/file_folder_manager.php on line 60

Warning: fclose() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /var/www/new.pisanews.net/wp-content/plugins/wp-file-manager/file_folder_manager.php on line 61
CNR, mercoledì viaggio nel corpo umano con la ricercatrice Monics Zoppe' - PISANEWS

CNR, mercoledì viaggio nel corpo umano con la ricercatrice Monics Zoppe’

PISA – Mercoledì 13 novembre alle 17, presso l’Auditorium del Cnr di Pisa, in Via Moruzzi, Monica Zoppè, ricercatrice presso l’Istituto di Fisiologia Clinica ci condurrà in un viaggio nel corpo umano visualizzando in 3D proteine e cellule grazie ai sofisticati sistemi e tecniche di computer graphics.

Se potessimo rimpicciolire di 10 milioni di volte, saremmo abbastanza piccoli da poter viaggiare tra le cellule e al loro interno, come in un viaggio nello spazio. In molti ricorderanno il film «Viaggio allucinante», un film di fantascienza del 1966 dove Stati Uniti e Unione Sovietica, ancora in piena guerra fredda, hanno sviluppato una tecnologia che permette di ridurre le dimensioni di un oggetto qualunque a livello microscopico. Sulla base di questa tecnologia viene introdotta un’equipe di medici in un sottomarino che naviga e si muove all’interno del corpo umano dell’inventore di questa tecnologia, colpito da un embolo cerebrale. Il film è in realtà una specie di spy story, ma il regista Richard Fleischer volle rendere accuratissima per quei tempi la ricostruzione gigantesca dell’organismo umano, anche per sensibilizzare il pubblico dei più giovani all’incredibile complessità del nostro corpo. Il genere si riallaccia al tema del viaggio nell’infinitesimale, già presente nella letteratura fantastica («La ragazza nell’atomo d’oro» di Ray Cummings del 1919) e nei fumetti (il «Viaggio in una moneta» di Brick Bradford). Vi tornerà nuovamente anche il cinema nel 1987 con «Salto nel buio» di Joe Dante. Fantascienza che diventa realtà grazie al gruppo SciVis, all’IFC del CNR di Pisa che, sfruttando le più moderne tecniche di Computer Graphics, ricostruisce l’ambiente delle cellule viventi, con tutti i loro componenti principali.

Ufficio Stampa CNR

20131111-115858.jpg

By