“Colline per bambini”: al via il progetto ricco di interventi per la zona pisana

Toscana – Sono molti gli interventi mirati al miglioramento delle scuole dell’infanzia sul territorio pisano: dalprolungamento dell’orario degli asilo nido ai campi estivi e i corsi di inglese, teatro e musica, passando per i laboratori intergenerazionali all’aperto con i nonni e gli interventi di pet therapy. Senza dimenticare la riapertura dell’asilo nido di Orciano Pisano e le ristrutturazioni del “Pio Pio” di Crespina e della scuola materna di Santa Luce.

Gli interventi verranno effettuati sui comuni di Crespina-Lorenzana, Fauglia, Orciano Pisano e Santa Luce: si tratta del progetto “Colline per i bambini”, promosso da una “squadra” guidata da Fondazione Madonna del Soccorso e SdS Zona Pisana e composta dai comuni di Crespina-Lorenzana, Fauglia, Orciano Pisano e Santa Luce; Istituto comprensivo “Mariti” di Fauglia; Istituto degl’Innocenti di Firenze; Istituto “Santoni” di Pisa; Istituto Lma Tzong Khapa; Misericordia di Orciano Pisano; cooperativa sociale Paim e associazioni Nuovo Teatro dell’Aglio, Artemide, Amici di Edda, Fuori dal Guscio e Anupi Toscana.

Il finanziamento è importante: 527.372,77 euro interamente destinati ai servizi della prima infanzia dei quattro comuni. Arrivano dall’Impresa sociale “Con i bambini”, la società senza scopo di lucro cui l’Acri (Associazione di fondazioni e casse di risparmio spa) ha affidato la gestione del fondo di durata triennale dedicato al contrasto della povertà educativa, che nel 2016 è stato finanziato con 115 milioni di euro. E che all’origine del bando dedicato alla prima infanzia su cui è stato selezionato il progetto “Colline Pisane”. Un obiettivo nient’affatto semplice e scontato se è vero che a livello nazionale sono stati presentati ben 400 progetti e ne sono stati finanziati 60, solo due dei quali in Toscana.

Potenziamento dell’offerta educativa. In primo luogo attraverso il prolungamento dell’orario di apertura di tutti gli asili nido dei comuni coinvolti come misura tesa a sostenere le famiglie nella conciliazione del tempo di cura e lavoro: attualmente, infatti, la chiusura è fissata alle 15.30 ma con l’attivazione del progetto si arriverà fino alle 18.  Poi attraverso l’ampliamento delle proposte educative mediante corsi di musica, teatro, lingua inglese (per i bambini che frequentano l’asilo “Pio Pio” di Crespina), percorsi di psicomotricità, laboratori creativi per l’invenzione di fiabe e laboratori all’aperto (sempre per gli alunni del “Pio Pio”)  sia finalizzato a favorire il contatto diretto dei più piccoli con la natura, sia di taglio intergenerazionale (con il coinvolgimento degli anziani della Rsa “Madonna del Rosario” di Orentano) e anche aperti alla partecipazione dei genitori dei bambini del “Pio Pio” e delle scuole dell’infanzia dell’Istituto comprensivo “Mariti”. Previsti anche incontri di pet therapy con lo scopo di avvicinare i più piccoli agli animali domestici, il cane in particolare; la consulenza di pediatri, logopedisti e psicologo e attività formative rivolta ad insegnanti e genitori. A luglio e agosto, invece, via libera ai campi estivi che si svolgeranno sia nelle località balneari della costa pisana, sia nella fattoria didattica “La Serra”.

Interventi a strutture scolastiche. Grazie a “Colline per i bambini” riaprirà l’asilo nido di Orciano Pisano: il progetto, infatti, coprirà tutte le spese, incluse quelle del personale, per i primi due anni di attività. Inoltre sarà ristrutturato l’asilo “Pio Pio” di Crespina prevedendo anche la realizzazione di un nuovo spazio di incontro per famiglie e attività laboratoriali attraverso la trasformazione di una loggetta già presente nella struttura. E verrà rimessa a nuovo la scuola materna di Santa Luce in cui sarà costruita anche una nuova veranda d’ingresso alla struttura. Nuovi arredi e attrezzature ludico-pedagogica in arrivo, infine, per le scuole materne dei comuni di Crespina-Lorenzana e Fauglia per l’asilo “Pio Pio”.

Misure a favore delle famiglie in difficoltà e per i bambini con disabilità. Programmati interventi di sostegno alle famiglie in condizione d’indigenza con bambini iscritti alle scuole aderenti al progetto: saranno segnalate dai servizi sociali e riceveranno generi alimentari gratuitamente attraverso un’azione congiunta di Fondazione Madonna del Soccorso e Misericordia di Orciano Pisano. Allo studio pure una riduzione modulare delle rette alle scuole d’infanzia con riferimento ai servizi di trasporto e refezione, sempre rivolta alle famiglie in condizione d’indigenza, e che nei prossimi mesi sarà concertata con le amministrazioni coinvolte. Per i bambini disabili dell’Istituto comprensivo “Mariti”, invece, sono programmati interventi di pet therapy mirati sulle specifiche patologie.

“Gratitudine e apprezzamento per il lavoro e il ruolo della Fondazione della Madonna del Soccorso”. Parte da qui la riflessione del sindaco di Fauglia Carlo Carli. Per dire che “realtà come la fondazione sono il vero valore aggiunto dei nostri territori per la loro capacità d’intercettare nuove risorse che vanno ad aggiungersi a servizi di primaria importanza per le nostre collettività. Sono realtà fondamentali per accrescere ulteriormente la qualità dei nostri servizi”.

“E’ stata una grande soddisfazione vedere premiata la nostra progettualità: “Colline con i bambini” è stato uno dei due soli progetti approvati in Regione Toscana – ha sottolineato l’avvocato Riccardo Novi, direttore della Fondazione Madonna del Soccorso -. Certamente il valore aggiunto è stato assicurato dalla sinergia realizzata tra enti e istituzioni pubbliche e private del territorio che si sono riunite per presentare un progetto autenticamente calato selle esigenze del territorio, innovativo e di grande utilità nella lotta alla povertà educativa minorile. Possiamo dire che, se pur realtà piccole territorialmente, le Colline pisane sanno esprimere grandi capacità, forte collaborazione e avere un approccio strategico e unitario alle problematiche. Come direttore della Fondazione ‘Madonna del soccorso’ voglio ringraziare tutti partner per la partecipazione attiva che hanno manifestato fino a questo momento che ci ha consentito di raggiungere questo grande risultato”.

“L’approvazione di questo progetto è la conferma in generale dell’importanza di fare sistema, e nello specifico di un’istituzione come la Società della Salute, di intercettare risorse aggiuntive per servizi fondamentali come quelli della prima infanzia – ha spiegato la Presidente della SdS Pisana Sandra Capuzzi -: grazie alla rete, guidata in modo intelligente dalla Fondazione Madonna del Soccorso, e alle competenze messe in campo, infatti, è stato possibile intercettare mezzo milione di euro destinato a potenziare offerta formativa e riqualificare strutture di primaria importanza per la collettività delle colline pisane”.

“Questo progetto è anche la conferma di quanto sia davvero importante il lavoro di rete e il radicamento nel territori – ha chiosato il direttore della SdS Alessandro Campani -: in tal senso la Società della Salute gioca un ruolo fondamentale anche come istituzione di raccordo e collegamento fra istituzioni locali, scuola e realtà di terzo settore, associazionismo e volontariato”.

“Siamo di fronte ad un partenariato vasto e capace di mettere al servizio dei più piccoli le competenze del territorio – ha concluso il consigliere regionale Andrea Pieroni -: questo progetto che sta per entrare nella fase operativa, infatti, porta risorse aggiuntive all’area delle Colline Pisane, destinate a un settore essenziale come quello della prima infanzia. Interventi di questo tipo costituiscono anche modelli e progetti pilota da seguire e replicare pure in altri territori: la sinergia fra istituzioni pubbliche e privato sociale, infatti, è un grande moltiplicatore di risorse e progetti come questo ne sono la testimonianza migliore”

By