“Come ne venimmo fuori”, l’anteprima nazionale di Sabina Guzzanti il 22 ottobre a Cascina

CASCINASabina Guzzanti giovedì 22 ottobre alle ore 21.00 presenterà al pubblico della Città del Teatro di Cascina in anteprima nazionale il suo ultimo monologo satirico dal titolo “Come ne venimmo fuori”, per la regia di Giorgio Gallione, le musiche di Paolo Silvestri, e le scenografie di Guido Fiorato.

L’artista vestirà i panni di “SabnaQf2”, una donna del futuro. Un futuro finalmente armonico e civile, dove il denaro è tornato ad essere semplicemente un mezzo. Una donna, SabnaQƒ2, sale sul palco tremolante, emozionata per l’incarico che le è stato affidato. Tocca a lei quest’anno pronunciare il discorso celebrativo sulla fine del periodo storico più buio che l’umanità abbia mai fronteggiato: il periodo che va dal 1990 al 2041, noto a tutti come “il secolo di merda”. Le celebrazioni della fine del secolo di merda, si svolgono ogni anno perché non si perda la memoria di quanto accadde in quegli anni terribili e si scongiuri il pericolo che la storia possa ripetersi. Il fatto è che dopo tanto tempo, nessuno ha più voglia di arrovellarsi a capire le ragioni che avevano spinto gli uomini e le donne dell’epoca a cadere tanto in basso: frustrazione, ignoranza, miseria, compensate da ore e ore trascorse a litigare su facebook e a guardare programmi demenziali, incapaci di reagire alle innumerevoli angherie a cui venivano continuamente sottoposti. In questo futuro felice, si è diffusa l’idea che gli esseri umani vissuti nel secolo di merda fossero semplicemente degli emeriti imbecilli e che studiarli sia una perdita di tempo. Per confutare questa spiegazione sbrigativa, SabnaQƒ2 ha invece preparato una ricerca accurata: ha esaminato la televisione dell’epoca, i suoi leader, le convinzioni economiche e politiche, i passaggi storici nodali: per restituirci una imperdibile conferenza spettacolo sull’attualità politica e sociale, anche attraverso l’interpretazione di una galleria di personaggi contemporanei… consentendo agli spettatori di farsi belle risate, salutari e liberatorie!

Dopo aver concluso il lungo percorso della realizzazione del film La Trattativa, Sabina Guzzanti torna in teatro per incontrare il pubblico con un monologo satirico esilarante. Uno spettacolo essenziale ed incisivo, nato da approfondite ricerche sul sistema economico post- capitalista o neoliberista su cui l’autrice sta lavorando già da qualche anno. Anche in questo testo, come nei suoi precedenti, l’intento è di affrontare questioni complesse e riflessioni importanti attraverso la comicità e la satira, mettendo il pubblico nella condizione di divertirsi e capire qualcosa in più.

La rassegna TEATRO OFF, dopo l’inaugurazione del 22 ottobre, sarà dedicata alle Prime Nazionali delle giovani formazioni che hanno realizzato progetti di residenza artistica presso La Città del Teatro in collaborazione con Fondazione Sipario Toscana onlus Centro di Produzione Teatrale. Prime nazionali saranno: Venerdì 23 ottobre alle 21.00 Azul Teatro con Canto, una riflessione sul mestiere ostinato di fare arte. Marina Romondia sabato 24 ottobre alle 19.00 con Rien ne va plus, una riflessione sulla ludopatia, che secondo alcuni esperti rappresenta oggi la patologia da dipendenza a più rapida crescita, soprattutto tra i giovani. La serata proseguirà alle 21 con l’Associazione Orto degli ananassi che presenteranno La parte migliore di me, storia di un “padre separato”, interessante spaccato su uno dei disagi simbolo della nostra generazione. Doppio appuntamento previsto anche per domenica 25 ottobre: alle 18.30 Nasce la tempesta da un respiro amaro di Teatro InBiliko Un’occasione importante per confrontarsi sul tema dell’immigrazione, che ora più che mai richiama attenzione dalla coscienza di ognuno di noi. Alle 20.30 In ogni caso nessun rimorso, della compagnia Borgobonó, allargherà lo sguardo sul disagio umano, sulla costrizione che deriva dal vivere in società, sulla lotta per una vita migliore, sulla disoccupazione.
Biglietti
Sabina Guzzanti “Come ne venimmo fuori”
intero 20 €, ridotto 15 €, studenti e inoccupati 10 €, gradinata 10 €

Tutti gli altri spettacoli di Teatro Off: biglietto intero 10 € ridotto 8 €

Prevendita presso il teatro e nel circuito boxoffice, on line su www.boxofficetoscana.it
Info biglietteria@lacittadelteatro.it / 345.8212494
Dettagli e approfondimenti su www.lacittadelteatro.it

By