Commerciante aggredito da cinque extracomunitari a Tirrenia

TIRRENIA – “Ho cercato di difendermi, nessuno è venuto in mio aiuto. Sono stato picchiato a lungo, non ricordo per quanto tempo, anche con bastonate e una spranga.” Così parla Andrea, commerciante pestato ieri a Tirrenia. L’uomo, dopo l’accaduto, è andato all’Ospedale di Cisanello, dove gli sono stati applicati alcuni punti di sutura alla testa.

L’ACCADUTO – Avevano rubato la bici del figlio, così la moglie era andata a cercarla, fino in Pineta. Lì si è imbattuta in un extracomunitario che si stava masturbando. A quel punto, la donna, è tornata indietro dal marito per raccontargli l’accaduto. Lui è andato subito in Piazza Belvedere, dagli altri venditori ambulanti, per parlare con loro cercando di fare chiarezza. A quel punto è stato raggiunto dalla moglie, che lo ha informato del fatto che stava proprio parlando con la persona incontrata precedentemente in pineta. Il commerciante così si è alterato, mentre il venditore ambulante lo invitava a parlare dietro il banco. I due sono stati raggiunti da altri compari dell’extracomunitario e hanno cominciato a pestare il commerciante di Tirrenia.

NESSUNO – Nessuno è venuto in soccorso dell’uomo, nonostante l’aggressione fossa avvenuta proprio in bella vista davanti a tutti. Così gli unici a soccorrerlo sono stati un paio di amici, che lo hanno salvato e portato all’Ospedale.

LA RABBIA – Tanta la rabbia dei commercianti, che hanno espresso solidarietà verso il collega. Si parla addirittura di organizzare uno sciopero. Si è tenuta anche una riunione straordinaria convocata dal direttore della Confcommercio Pieragnoli, dove una trentina di operatori hanno messo insieme alcune idee per cercare di uscire da questa situazione, che a detta di molti rappresenta un “punto di non ritorno”. Andrea però ha promesso, cercherà di fare tutto quello che è in suo potere perché cose del genere non si ripetano.

You may also like

By