Comunicato della Curva Nord Maurizio Alberti

PISA – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato dei ragazzi della Curva Nord Maurizio Alberti.

“Dopo l’esposizione della curva del Kaiserslautern degli striscioni in cui ci tirano ancora una volta in ballo ci troviamo costretti, a nostro malgrado, a dover intervenire nuovamente su questa vicenda. Noi ormai da 5 anni abbiamo ufficialmente sciolto il gemellaggio col Karlsrue a causa della loro accettazione del fan project (..come del resto hanno fatto quasi tutte le tifoserie tedesche). Per noi questo tipo di accettazione è lontano anni luce dalla nostra mentalità e questo ha scaturito anni fa la decisione di sciogliere il gemellaggio. Con i ragazzi di Karlsrue è cosi rimasta solo un amicizia personale, cosa normale dopo diversi anni di gemellaggio. Nella partita Kaiserslautern- Karlsrue, in relazione a questa amicizia personale, alcuni ragazzi di Pisa si son recati in Germania con una bandiera con la croce di Pisa. Dopo alcuni incidenti scoppiati in tribuna è stato ammanettato e fermato dagli addetti della sicurezza uno di questi ragazzi al quale, ancora ammanettato, da parte degli steward è stata sottratta questa bandiera donata poi dagli steward locali alla tifoseria del Kaiserslautern. Quest’ultimi hanno cosi pensato di esporre la bandierina come cimelio di guerra e poi bruciarla. Noi non eravamo presenti quel giorno quando la bandiera è stata presa, ma non abbiamo motivi per non credere a questa versione data sia dai ragazzi di Pisa sia da tutta la curva del Karlsue e nemmeno mai smentita dalla stessa curva del Kaiserslautern. Dopo l’esposizione di questa bandiera venne fatto il comunicato dove, dando questa versione dei fatti, ribadivamo che non fa sicuramente parte della nostra mentalità ricevere ed esporre doni avuti dagli organi di sicurezza… Ed è per questo motivo che troviamo ancora piu’ assurdi demenziali e ridicoli i recenti striscioni esposti dalla curva del Kaiserslautern.

By