Condotte cede 28 appartamenti al Comune per affitti low-cost

PISA – Lamentarsi non è mai servito a nulla, figurarsi se può essere una soluzione in tempi di crisi. Trovare delle soluzioni intelligenti, invece, è un metodo infallibile per dare una spinta all’uscita dalla situazione di stallo.

Ed è questo che ha fatto l’azienda Condotte in collaborazione con l’Amministrazione Comunale ed Apes.

Ylenia Zambito, assessore alla Casa

Condotte, una delle imprese più importanti nella costruzione di case e opere (è una delle aziende che si sono aggiudicate la costruzione del People Mover), ha deciso di concedere 28 appartamenti invenduti situati fra la via Aurelia e viale delle Cascine all’Amministrazione Comunale: a quest’ultimo poi spetterà il compito di affittarli, tramite un bando, ad affitto concordato. La gestione degli immobili è affidata ad Apes che si occuperà di stipulare un patto concordato con i locatari i quali pagheranno una cifra inferiore del 25% rispetto a rispetto agli usuali canoni d’affitto. I locatori, invece, avranno degli sgravi fiscali importanti, tra cui l’abbattimento dell’IMU al 4 per 1000.

Le cifre di affitto oscilleranno dai 310 euro fino ad un massimo di 510 euro, a seconda dei metri quadrati. Gli appartamenti locati sono 34: per i 28 “in lizza”, le richieste sono 113 e l’Associazione confida nel soddisfarne il 50%.

«Sebbene Pisa sia la città con il minor numero di case invendute, la crisi è un fenomeno a cui nessuno può ritenersi immune e questa iniziativa vuole dare delle risposte non solo alle famiglie che hanno la necessità di una casa, ma anche alle aziende che devono gestire gli immobili invenduti e contrastare la crisi» ha affermato l’Assessore Ylenia Zambito.

Prima esperienza per la città, rivolta a tutte quelle famiglie che hanno un reddito tale da non poter ottenere la casa popolare, ma neanche di permettersi un appartamento con i canoni d’affitto attuali.

«E’ un’esperienza significativa e promettente – ha dichiarato il Sindaco Marco Filippeschi – in una città che ha un bouquet di investimenti che poche città hanno. Un’azienda importante come Condotte che partecipa ad un’iniziativa come questa, spero sia uno stimolo per altre aziende: vorremmo che questo fosse un esempio nazionale che porti ad un cambiamento della politica delle regioni e del governo sulle tematiche abitative. Vogliamo tracciare un nuovo percorso, indicare una strada per la nazione con l’obiettivo di operare un riequilibrio verso l’affitto».

Hanno partecipato alla conferenza stampa, oltre al Sindaco Filippeschi, l’Assessore assessore alla politiche abitative, Ylenia Zambito, il Presidente di Apes, Lorenzo Bani, il Direttore di Apes, Giorgio Federici e la Responsabile dell’Agenzia Casa, Benedetta Annese.

Cos’è l’agenzia casa? E’ un delle risposte da dare a chi, pur avendo un reddito, non può pagare gli affitti che propone il libero mercato, ma nemmeno può fare domanda per un alloggio popolare. Ecco allora gli affitti concordati.

Lo scopo dell’Agenzia casa è quello di prendere in locazione o comodato, offrendo ai privati le previste agevolazioni comunali e agli affittuari un affitto possibile. “Un incrocio che paradossalmente la crisi favorisce – ha proseguito l’assessore Zambito. E così dalle difficoltà nasce una possibilità, una speranza”.

“Diamo alla firma del contratto con Condotte – ha detto Marco Filippeschi – un grande valore a dimostrazione del buon lavoro fatto dall’assessorato con Apes; in questo caso particolare, oltre al lavoro, c’è la passione e una intuizione che permetterà a 28 famiglie di poter avere una casa. E ai proprietari di poter affrontare la crisi. Ma questa firma, e le altre che mi auguro arrivino, dimostrano anche che il nostro Comune è affidabile e si merita la fiducia dei cittadini e degli imprenditori”.

Nei prossimi giorni ci sarà con Condotte: l’accordo per 28 appartamenti da destinare ad agenzia casa. Appartamenti disponibili e mai venduti per la crisi economica e che ora potranno essere messi a disposizione ad affitto concordato, cioè ad un canone di circa il 25% più basso di quello di libero mercato.

“Crediamo che questo progetto – hanno aggiunto Sindaco e Assessore – possa essere preso come modello nazionale, la dove è impensabile che i cittadini riescano ad acquistare tutto l’invenduto,e così l’impegno a mettere a disposizione gli appartamenti disponibili alle famiglie diviene una necessità ineludibile”.

In questo modo si raggiungono diversi obiettivi: si favorisce l’accesso alla casa a chi è escluso dal libero mercato, si evita la crisi delle imprese edilizie, e l’insolvenza verso le banche che hanno concesso i mutui.

La gestione dei 28 appartamenti. La gestione degli appartamenti sarà unitaria e per la loro tipologia sono adatti per anziani o famiglie monoparentali. La gestione del condominio sarà unitaria e sarà effettuata da Apes.

Da ricordare che mercoledì 3 alle ore 18 presso la sala del palazzo dei Dodici in piazza dei cavalieri si terrà la presentazione della nuova Agenzia Casa, presentazione rivolta soprattutto agli operatori del settore edilizio con l’obiettivo di incrementare il numero di appartamenti gestiti da Apes per l’agenzia casa. La possibilità di ridurre di circa il 25 % l’affitto è un fatto concreto, possibile.

“Pisa ancora una volta sperimenta ha concluso Filippeschi una strada nuova e si offre di esempio per gli altri Comuni: e rivolgo un appello perché le case invendute vengano messe a disposizioni dei Comuni. Proprio come nel caso dI Condotte”.

By