Confcommercio. San Piero a Grado, stop ai fanghi, coinvolgiamo il Prefetto e chi ha sbagliato paghi

PISA – “L’odore è insopportabile, c’è chi sta male, e non so quanti clienti ho perso da inizio settembre a oggi”. Non riesce a nascondere la preoccupazione, Manuele Marongiu titolare dell’Osteria La Basilica di San Piero a Grado.

“I clienti si alzano e se ne vanno non appena si sentono aggrediti dall’odore nauseabondo proveniente dalla fattoria. Un odore acre e fortissimo, molto più intenso rispetto agli anni precedenti, al punto tale da generare in alcuni casi persino malesseri fisici. L’aspetto economico è ovviamente molto importante, ma quello che più ci preoccupa in questo momento è la situazione sanitaria. Speriamo soltanto che questi fanghi non siano contaminati con sostanze nocive, come purtroppo accaduto in altre città. Le autorità coinvolte devono tutelare la nostra salute e le nostre attività. Apprezziamo l’impegno dimostrato dal sindaco Michele Conti, ma questa vicenda può essere risolta bloccando lo spandimento di questo materiale”.

Sabrina Giannessi del Bar Giacomo condivide la stessa condizione, nella duplice veste di commerciante e residente: “La vicenda sta ingrossando e c’è tutto un paese che lotta unito, commercianti e cittadini, che hanno diritto di sapere quello che sta accadendo davvero. Noi ci stiamo mobilitando anche attraverso una petizione online, davanti ad un quadro in cui i malesseri sono comprovati: mal di testa, bruciore alla gola, conati di vomito. Tutelare l’ambiente e il paese nel quale viviamo è la priorità assoluta rispetto ad ogni altra considerazione e tra pochi giorni riapriranno persino le scuole. Ancora questa mattina, purtroppo, i camion hanno continuato ad arrivare e questo non va bene. Non c’è tempo da perdere, l’urgenza è sotto gli occhi di tutti, occorre che chi ha l’autorità ci tuteli al massimo livello”.

Chiediamo che sia coinvolto in pieno anche il prefetto di Pisa, di fronte ad una situazione evidentemente critica” – questo l’invito del direttore di Confcommercio Provincia Pisa Federico Pieragnoli: “Ci siamo attivati immediatamente su richiesta dei commercianti e ci sentiamo vicini a loro e ai cittadini coinvolti. Apprezziamo la disponibilità dimostrata dallo stesso sindaco Conti. Le richieste di commercianti e residenti sono anche le nostre richieste: stop immediato allo spandimento dei fanghi; massima informazione su quanto accaduto da fine agosto ad oggi; se qualcuno ha sbagliato è giusto che paghi, e chi ha subito danni rilevanti sia risarcito”.

Loading Facebook Comments ...
By