ConfCommercio su CanaPisa: “Introdurre regole ferree: siamo d’accordo con il Prefetto”

PISA – Nuove e più stringenti regole per Canapisa, Confcommercio valuta positivamente il nuovo sistema di autorizzazione che il Prefetto di Pisa intenderebbe applicare per l’edizione 2016.

image

Spera che non si tratti solo di un proclama, ma che vengano applicate seriamente Federica Grassini, presidente di ConfcommercioPisa: “La nostra posizione è quella di non autorizzare mai più questa manifestazione vergogonosa per le strade cittadine. Un compromesso accettabile sarebbe comunque un significativo decentramento della street parade in un luogo completamente isolato. Consideriamo imprescindibile la necessità che gli organizzatori versino in anticipo una cospicua cauzione per risarcire i costi collettivi di un simile evento e coprire i danni causati a cose e persone. Ogni altra misura finalizzata a limitare i disagi per i cittadini è accolta da noi favorevolmente”. In chiusura, Federica Grassini punta il dito contro l’abuso di alcool e sostanze stupefancenti: “E’ paradossale che all’interno del corteo si possano consumare alcool e droga senza alcun tipo di limitazioni e interventi, come dimostra purtroppo il caso della ragazza fiorentina in rianimazione, mentre all’esterno una ordinanza ad hoc, indirizzata ai pubblici esercizi regolari, vieta assolutamente la vendita di alcolici per tutta la durata del corteo. Pensiamo che le regole valgano per tutti, o per nessuno”.

By