ConfCommercio fa un appello alla politica in vista delle elezioni

PISA – Negli ultimi dieci anni a Pisa sono spariti novanta negozi al dettaglio, con un calo percentuale del 9,5%.

E’ questo il dato che più colpisce dell’analisi del Centro Studi di Confcommercio sull’evoluzione delle attività commerciali, turistiche e dei servizi nella città della Torre.

Questa fotografia è una triste e oggettiva conferma di quell’inesorabile processo di desertificazione commerciale che come Associazione denunciamo invano da anni” – è il commento a caldo della presidente di ConfcommercioPisa Federica Grassini: “Se pensiamo che il piano del commercio di Pisa risale al 2001, ci rendiamo conto della distanza siderale che intercorre tra la politica e l’economia reale. Un saldo negativo di novanta saracinesche chiuse è il segnale di un impoverimento quantitativo ma anche qualititativo, a causa della chiusura di molte attività storiche. Sono spariti soprattutto negozi tradizionali, come quelli alimentari, dell’abbigliamento, librerie, mobili e ferramenta. E certo non può consolare l’esplosione di bar e ristoranti, negli ultimi dieci anni cresciuti del 25%, con più di un’ombra sotto l’aspetto qualititativo. Come associazione siamo stati tra i maggiori fautori dell’ordinanza di blocco delle nuove aperture in centro storico per pubblici esercizi e attività di somministrazione, anche se questo provvedimento è stato preso quando ormai gran parte del danno delle liberalizzazioni selvagge era stato fatto”.

A complicare la situazione non solo il progressivo invecchiamento della popolazione – “al crescere dell’età media della popolazione, si riduce anche il numero di negozi” – spiega il direttore di ConfcommercioPisa Federico Pieragnoli – “ma anche agli alti canoni di locazione che inducono i commercianti a spostarsi sempre di più verso le periferie, per non parlare dei molti altri problemi che affliggono nello specifico il centro storico di Pisa”.

Per reagire a tutto questo, per rigenerare il tessuto commerciale e riqualificare il Centro Storico, ConfcommercioPisa ha stilato un documento [in allegato] ad hoc #primaleimprese rivolto alle forze politiche impegnate nelle elezioni. Si tratta di un appello in otto punti, per salvaguardare e rilanciare uno dei centri storici più antichi e conosciuti al mondo, così suddiviso: Sicurezza, Degrado, Abusivismo e Contraffazione, Movida, Tasse Locali, Turismo, Aeroporto e Pisa Mover, Litorale Pisano.

By