Consiglio comunale: bancarellari ed abitanti di Sant’Ermete. Rifiuti, Sanzo: “Entro 2 anni torneremo al porta a porta”

PISA – Il consiglio comunale di ieri non ha visto solo la protesta dei bancarellai del Duomo e quella di un folto gruppo di abitanti di Sant’Ermete. OLYMPUS DIGITAL CAMERADopo alcune interpellanze (come quella del consigliere Giovanni Garzella (PDL) sul cedimento di alcune strade del centro storico come Via Notari “è dovuto – ha detto l’assessore Andrea Serfogli – alle fosse biologiche di proprietà di privati cittadini” o come quella sulle emissione sonore di alcuni locali del litorale come la discoteca Pappafico, il bagno Pia o il giardino di Poppa, questione sollevata dalla consigliere Valeria Antoni (M5S) – “stiamo lavorando – ha così risposto l’assessore Salvatore Sanzo -per un nuovo regolamento su i rumori” – il Consiglio Comunale ha discusso, grazie al consigliere Marco Ricci (Unacittàincomune-prc), anche della raccolta differenziata dei rifiuti. “Entro 2 anni – ha detto l’assessore Sanzo – ritorneremo, di nuovo, alla raccolta porta a porta”. Inoltre il Consiglio Comunale – dopo l’approvazione di alcuni lavori pubblici  (il consigliere della maggioranza Armando Paolicchi (SEL) non ha partecipato al voto) come, ad esempio, il recupero della statua dell’Abbondanza in piazza Carioli, il completamento delle exStallette e i lavori di riqualificazione dell’aree esterna del Bastione San Gallo –  ha discusso, per iniziativa del consigliere Giovani Garzella (PDL) dell’aggiornamento del secondo piano di gestione della tenuta di Tombolo e Coltano che prevede, tra l’altro, la possibilità di ampliare le strade di connessione tra il litorale e la città (anche attraverso la trasformazione del tracciato della tramvia in busvia e la previsione di una rete organica di mobilità ciclabile), una normativa più elastica per i pontili d’attacco, la valorizzazione del centro ippico comunale di Calabrone e della struttura del laghetto di Punta di Pini, un maggior dimensionamento per i box a servizio degli orti, di incentivare le funzioni museali del Borgo di Coltano come la Villa Marconi, e, forse in previsione della visita di Papa Francesco,  di ripristinare la passerella ciclopedonale sull’Arno all’altezza di Cascine Vecchie, all’incirca del ristorante La Rampa di San Piero a grado. Il Consiglio Comunale proseguirà questa discussione probabilmente il prossimo 12 Novembre in una nuova seduta perché, al settimo ordine del giorno, per mancanza del numero legale, è stato sciolto.

 

By