Continua la crescita dell’azienda pisana Pharmanutra sul mercato italiano

PISA – PharmaNutra S.p.A. (Aim Italia – Ticker PHN), azienda nutraceutica leader nel settore dei complementi nutrizionali di ferro, ha comunicato i risultati dei dati di vendita del mese di luglio 2018 relativi al mercato italiano (sell-out Grossisti – fonte IQVIA – + Ordini Diretti).

Come evidenziato dai numeri, l’azienda fondata nel 2003 dai fratelli Andrea e Roberto Lacorte continua a crescere, consolidando ulteriormente la propria posizione sul mercato italiano: nel solo mese di luglio, le vendite hanno superato i 200.000 pezzi, segnando una crescita del +23% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Gli ottimi risultati delle vendite confermano quanto già annunciato con l’anticipazione dei ricavi consolidati preliminari del primo semestre 2018, che evidenziavano una crescita di circa il 20% rispetto allo stesso periodo del 2017.

Le performance positive registrate sul mercato nazionale sono sostenute dalla crescita costante della rete di Informatori Scientifico Commerciali e dal continuo rafforzamento delle attività di studio, ricerca e sviluppo del Gruppo PharmaNutra, che hanno portato l’azienda a lanciare sul mercato quattro nuovi prodotti nel primo semestre 2018. Inoltre, in occasione della Convention Nazionale in programma dall’11 al 14 settembre a San Vincenzo (Li), il Gruppo presenterà una serie di ulteriori, significative novità, che entreranno in commercio a partire da questo autunno.

Va evidenziato che, a poco più di un anno dalla quotazione in Borsa, avvenuta nel luglio del 2017, il valore dell’azione di PharmaNutra è passato dai 10 Euro del giorno della quotazione, ai 15,25 Euro del 28 agosto*, mentre la capitalizzazione dell’azienda è cresciuta di oltre il 60%, passando da 89,5 milioni a 147,6 Milioni di Euro **.

Andrea Lacorte, Presidente di PharmaNutra, commenta:Stiamo raccogliendo i frutti di una scelta strategica importante, operata dall’azienda un anno fa, rappresentata dalla suddivisione della rete commerciale e di informazione medica in una linea di Supportive Care, quindi ospedaliera, e in una linea Primary Care. All’inizio la scelta ha avuto delle normali ripercussioni, perché c’erano diversi informatori che si sono dovuti specializzare, quindi la resa in termini di risultati non è stata immediata. Ci sono voluti 8-9 mesi per metterla a regime e farla funzionare bene, ma poi giugno e luglio ci hanno dato parecchie soddisfazioni, confermando la bontà della nostra scelta, con risultati – mi riferisco a luglio – addirittura oltre le aspettative. Tutto questo, chiaramente, al netto del lancio dei nuovi prodotti che avverrà a settembre, nel corso della Convention Nazionale. In sintesi, è andata davvero molto bene, con ottimi numeri per tutti i prodotti della linea SiderAL, compreso il CardioSiderAL, l’unico ferro orale al mondo per la cardiologia, che è andato molto bene in ambito Supportive Care. Per quanto concerne la Primary Care, invece, registriamo con piacere le performance di Cetilar, anche su consiglio del medico, a conferma della grande reputazione che anche il Cetilar ormai vanta tra la classe medica, trattandosi non solo di un prodotto consumer, ma di alta specializzazione. Raramente un prodotto topico osteoarticolare è stato così stimato, apprezzato e consigliato dalla classe medica. Bene, per concludere, anche Ultramag. In questo caso dobbiamo parlare di dato complessivo e siamo ancora in fase di posizionamento, anche perché il vero lancio di Ultramag è ancora lontano dall’essere terminato. Bisogna considerare che, ad oggi, non siamo ancora presenti presso tutti i nostri clienti, dobbiamo ancora finire di referenziare il prodotto all’interno dei nostri punti vendita, quindi con Ultramag non potrà che andare meglio, partendo comunque dal fatto che stiamo parlando del miglior lancio di prodotto nella storia del Gruppo PharmaNutra”.

Nella foto sopra la sede di PharmaNutra

By