Continuano i lavori della Sesta Porta. Abbattuto anche l’ex magazzino e archivio dei Vigili Urbani

PISA -L’ultimo ad andare giù, venerdi pomeriggio (13 dicembre), è stato l’ex magazzino e archivio dei vigili urbani.

In precedenza, all’inizio della settimana, era stata la volta dei vecchi garage della Polizia Municipale, quelli da cui sono stati rimossi e smaltiti correttamente in centri autorizzati circa 300 metri quadri di coperture in eternit. E prima ancora, a metà ottobre, era toccato agli edifici lungo via Battisti ex sede dello sportello al pubblico di Pisamo e dell’associazione “Persone Down”.

Proseguono come da cronoprogramma, dunque, il piano di abbattimenti necessario per fare spazio al futuro deposito dei bus del trasporto pubblico cittadino, il secondo lotto della “Sesta Porta”, ossia del nuovo polo della mobilità pubblica cittadina collegato alla stazione ferroviaria centrale e in cui troveranno posto anche i nuovi uffici di Pisamo, Polizia Municipale e Sepi.

Il grande edificio polifunzionale di 11.800 metri quadrati che li ospiterà, infatti, è pressoché completato: in questi giorni si lavora alle rifiniture e alla fornitura di tutte le utenze. Per questo motivo nella notte fra lunedi 16 e martedi 17 via Cesare Battisti sarà chiusa al traffico: uomini e mezzi, infatti, saranno impegnati dalle 21 della sera fino alle 6 del mattino seguente nella realizzazione di uno scavo traversante necessario per collegare il nuovo edificio alla rete idrica e a quella del gas.

Quindi quella sera chi arriverà in città da Porta a Mare all’altezza della rotatoria di via Conte Fazio troverà indicazione di proseguire sulle vie Stampace e Bixio, quindi Piazza Sant’Antonio e via Pellico per poi ricongiungersi nuovamente con via Battisti. Percorso contrario, invece, per gli automobilisti in arrivo dalla città: da via Battisti, infatti, proseguiranno per via Pellico, Piazza Sant’Antonio e via Crispi da dove potranno decidere di raggiungere Porta a Mare sia svoltando subito a sinistra in via Lavagna che andando a dritto per poi proseguire in Lungarno Sonnino.

Chiaramente la decisione di fare i lavori in orario notturno è collegata alla volontà di creare meno disagi possibili alla circolazione di una delle strade che, in orario diurno, è fra le più percorse della città.

Fonte: Ufficio Stampa Comune di Pisa

20131214-134652.jpg

You may also like

By