Contributi ad enti e aziende che ospitano studenti universitari per un tirocinio curriculare

PISA – Gli enti e le aziende pubbliche o private che intendano ospitare studenti per un tirocinio curriculare possono fare domanda di contributo regionale tramite apposita domanda online di ammissione al finanziamento.

Grazie alle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione (FSC), la Regione Toscana contribuisce alla copertura parziale o totale del rimborso spese forfettario erogato da soggetti che danno la possibilità a studenti universitari di compiere una esperienza di tirocinio curriculare nell’ambito del proprio percorso formativo.

L’intervento rientra nell’ambito del progetto Giovanisì ed è realizzato con l’intermediazione dell’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario.

E’ possibile presentare domanda fino al 30 settembre 2021. I soggetti pubblici e privati interessati al contributo devono aver stipulato la convenzione prevista dall’apposita normativa con una delle Università degli Studi, Istituti di alta formazione e specializzazione presenti nella regione e offrire un tirocinio curriculare retribuito che rilasci almeno 12 crediti formativi unitari con durata non inferiore a 300 ore. I tirocini svolti nell’a.a. 2020/2021 devono essere stati attivati dal 1 ottobre 2020 al 30 settembre 2021.

Il contributo regionale è così determinato: euro 300 mensili, per gli studenti in età compresa tra i 18 e i 32 anni; euro 500 mensili per gli studenti con disabilità.

Per maggiori informazioni sull’avviso, modalità di richiesta del contributo e modulistica da compilare consultare il sito www.dsu.toscana.it

By