Contributi pesca. Velocizzata la procedura per le graduatorie dei gruppi locali ‘Flag’

PISA – L’adozione di una procedura per velocizzare l’iter di approvazione delle graduatorie proposte dai Flag (Fishery local action group) alla Regione, relative alle domande ammesse al contributo dei Fondi europei per le politiche marittime e selezionate in attuazione dei bandi pubblicati dagli stessi Flag.

E’ quanto ha approvato la giunta regionale su proposta della vicepresidente e assessora all’agroalimentare Stefania Saccardi alla luce anche dei vari incontri avuti con i rappresentanti di tutti i Flag. 

In una fase così delicata della programmazione comunitaria – ha detto la vicepresidente e assessora Stefania Saccardi –  attraverso una più marcata condivisione delle responsabilità tra Regione e Flag, è possibile giungere in tempi più rapidi  all’individuazione definitiva dei progetti in possesso dei requisiti necessari a garantire l’accesso alle risorse messe a disposizione dal Fondo. Saranno quindi i Flag a valutare direttamente alcuni aspetti riguardanti l’ammissibilità delle domande e delle relative spese rimanendo di competenza regionale l’ammissibilità del beneficiario in relazione alla sua natura, la corretta applicazione dei criteri di selezione e delle percentuali di contribuzione”. 

Cosa sono i Flag – Per favorire lo sviluppo locale partecipativo nell’ambito della pesca professionale e acquacoltura la Regione Toscana ha coinvolto le comunità delle zone costiere per la creazione di opportunità anche nelle aree marginali o depresse. Lo ha fatto attraverso la selezione di strategie di sviluppo locale dei partenariati dei ‘Fishery local action group’ (Flag) ovvero l’insieme di interventi da attuare per il rilancio delle attività economiche. In Toscana sono operativi quattro Flag, costituiti da partenariati pubblico-privati: il  ‘Costa d’Argento’, con capofila il Comune di Monte Argentario, il FLAG ‘Costa degli Etruschi’, capofila il gruppo azione locale Far Maremma,  ‘Golfo di Follonica’, capofila il Comune di Follonica e il quarto ”Alto Tirreno Toscano”, capofila il GAL Lunigiana. L’importanza dei partenariati non è legata soltanto alla loro capacità di produrre risultati tangibili sul territorio, ma anche alla qualità del processo partecipativo fra gli attori locali, della fiducia creatasi fra gli attori stessi, fino alla capacità di elaborare idee in grado di valorizzare l’unicità di ogni territorio.

By