Il convegno “Raddrizzando il punto di vista sulla buona tecnica” della sezione di Pisa presso la scuola Normale

Pisa – Il convegno organizzato da ANACI e ANACI sezione Pisa sono emerse indicazioni sul monitoraggio degli edifici facendo riferimento all’importanza della  prevenzione  e alla sinergia tra professionisti, amministrazioni comunali e università. Il Presidente Burrelli ha ricordato il valore della formazione protagonista di incontri come svoltosi a Pisa.

Gli stati generali sulla sicurezza dei condomini e degli immobili si svolgeranno a Pisa: prevenzione e stretta sinergia tra tutti i soggetti investiti dal tema della sicurezza delle strutture abitative sono state in sostanza le indicazioni prodotte dal convegno “Raddrizzando il punto di vista sulla buona tecnica” organizzato proprio da ANACI (Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari) e ANACI sezione Pisa nella prestigiosa sede della Scuola Normale Superiore.

Il presidente di ANACI Francesco Burrelli sostiene: “Occorre sviluppare una collaborazione complessiva proficua e costante per garantire la sicurezza delle parti comuni degli edifici e quindi degli stessi cittadini ha pertanto ritengo opportuno favorire tavoli di lavoro che permettano di tenere insieme, condividendo esperienze e competenze, tutti gli attori che sono interessati alla sicurezza, sia dal punto di vista tecnico che intellettuale, dalle categorie, come gli ingegneri ad esempio, ma non solo, le Università, i Politecnici e anche le istituzioni con cui il confronto deve essere costante. Proprio le istituzioni devono comprendere che il coinvolgimento degli amministratori condominiali professionisti nei loro processi decisionali deve essere non occasionale ma continuo e profondo, in considerazione dei nostri compiti e delle nostre competenze trasversali, che possono rappresentare un bagaglio di nozioni, tecniche, legislative e ambientali, molto utili nella gestione dei problemi che coinvolgono i cittadini considerando che la maggior parte di loro vive in complessi condominiali. ANACI – ha proseguito Burrelli – parla di sostenibilità già dal 1987, ma quanti applicano ad esempio il Paes? Molti oggi sostengono la necessità dello sviluppo delle smart city ma per raggiungere questi obiettivi serve integrare le capacità di ogni professione. Per responsabilità e ruoli che ci vengono ascritti, gli amministratori sono da ritenersi dei veri e propri sindaci degli edifici. Ma per fare questo dobbiamo puntare senza esitazioni sulla formazione continua della nostra categoria, come avvenuto con il convegno alla Normale, dove abbiamo inviato esperti nazionali in molti campi, da ingegneri a magistrati, a favore e tutela del cittadino. La formazione è pertanto un momento centrale della nostra professione poiché, per poter essere interlocutori autorevoli di istituzioni e altre categorie e credibili con i cittadini, che devono scegliere amministratori preparati formati e aggiornati, va alzata l’asticella e accresciuta sempre di più la nostra preparazione. Aggiornarsi vuol dire crescere professionalmente anche e soprattutto nel campo della sicurezza, dove bisogna saper conoscere sia le normative in continuo cambiamento sia le caratteristiche tecniche delle strutture amministrate”.  Dall’incontro è emersa anche la proposta che vede tra i protagonisti gli amministratori condominiali sulla condivisione delle procedure indicizzate in rete, i cui dati potrebbero rappresentare la base per ulteriori statistiche sulla situazione degli edifici ancora più particolareggiate di quelle attualmente esistenti. Dell’importanza della formazione ha parlato anche il Presidente di ANACI sezione Pisa Carlo Malvogli che ha ricordato il valore della certificazione Uni per gli amministratori, così come ha ribadito l’importanza della collaborazione con l’amministrazione comunale cittadina: “La politica deve poter conoscere bene il territorio e gli amministratori comunali sono delle guide fondamentali in questo senso perché nel territorio vivono e lavorano. Basti pensare agli edifici scolastici, che vanno monitorati con grande attenzione”. Il Convegno diventerà un punto di riferimento fisso per valutare e condividere tutti gli aspetti tecnici, impiantistici e strutturali dei condomini e fabbricati, così da consentire all’amministratore professionista ANACI di essere sempre aggiornata e collegata con le nuove tecniche e innovazioni nel settore che necessita sempre di più di seri professionisti. Durante la giornata sono stati assegnati riconoscimenti a figure di Anaci molto rappresentative per la città di Pisa: Piero Mariotti, Lorenzo Altobelli (alla memoria), Nicola Maraia, il Direttore del centro Studi Anaci Gian Lorenz Tortorici, Carlo Malvogli.

By