Convenzione Arena: lettera aperta di Lorenzo Petroni a Fabrizio Lucchesi

Fabrizio Lucchesi (FOTO PISANEWS)

PISA – Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta dell’amministratore unico Lorenzo Giorgio Petroni al Dg Fabrizio Lucchesi, in relazione alla vicenda che riguarda la firma della convenzione dell’Arena Garibaldi.

“Caro Fabrizio mi rivolgo a Te perchè ho sotto gli occhi le osservazioni da Te formulate riguardo la convenzione da stipulare con il comune di Pisa relativamente all’Arena Garibaldi ed allego la bozza di convenzione rinviataci oggi dall’Amministrazione comunale.

Come purtroppo potrai constatare nonostante i seicentomila euro già contrattualizzati, che abbiamo stanziato grazie alla cessione dei diritti di marketing ad NGM, per contribuire alla messa a norma dello stadio nessuna delle modifiche da noi proposte alla convenzione è stata accolta. La circostanza relativa all’investimento programmato non è da sottovalutare dato che non mi risulta che le precedenti gestioni abbiano investito i loro proventi pubblicitari per manutenere o migliorare l’Arena. Anzi la precedente convenzione stipulata dal sig. Carlo Battini prevedeva, come sai, un contributo annuo di 65000 euro ed un canone annuale di 6600 euro a differenza di quella allegata che non prevede alcun contributo ed un canone di 20000 euro.

E cosa ben più delicata viene richiesta, insieme alle più disparate polizze assicurative, una cauzione di 500000 (cinquecentomila euro) a mezzo di fideiussione bancaria da Te giustamente ritenuta inaccettabile, mentre la precedente convenzione prevedeva 100000 (centomila euro), con l’effetto di sottrarre, sommando i 600000 dei lavori, 1100000 (un milionecentomila euro) al nostro budget considerato che la fideiussione richiesta dovrà essere garantita con denaro contante.

Ciò premesso nessuno dei punti da Te, e da tutti noi, ritenuti da modificare è stato considerato:
Art.1) Tutte le attività extracalcistiche dovranno essere preventivamente concordate;
art. 2) la durata, da Te indicata in 25 anni e da noi ridotta a 15 in ossequio di una norma che impedirebbe all’ Amministrazione un lasso di tempo più lungo, è stata ulteriormente ridotta a 7;
art.4) 20 le giornate riservate al Comune durante il campionato e tutti i giorni nel restante periodo e con fornitura a nostre spese di tutta l’assistenza tecnica e logistica compreso il personale;
art. 5) pagamento dell’imposta comunale di pubblicità sul materiale pubblicitario;
art. 9) gli oneri a carico del Comune devono essere compatibili con le disponibilità di bilancio.

Caro Fabrizio mi rivolgo a Te in quanto non solo più di ognuno di noi hai seguito l’evoluzione della convenzione ed un Tuo intervento eviterebbe di essere interpretato polemicamente. Come vedi per brevità ho omesso alcune delle Tue indicazioni ma Ti pregherei di illustrare all’Amministrazione la necessità di considerare le nostre osservazioni ed addivenire alla sottoscrizione di una convenzione equilibrata. Domani provvederò a rinviare l’atto d’obbligo nelle modalità richieste nella speranza che i lavori possano iniziare immediatamente evitando ulteriori ritardi ed un aggravio di costi.

Un saluto

Lorenzo”

By