Cooperazione sociale e lavoro: incontro pubblico sulla nuova legge della Regione Toscana

PISA – Far conoscere al territorio la nuova legge regionale Toscana 58/2018 e le sue opportunità in tema di cooperazione sociale e lavoro.

E’ questo lo scopo dell’incontro pubblico che si terrà venerdì 18 gennaio, all’Auditorium della Sesta Porta (via Battisti 13, Pisa) promosso da Confcooperative-Federsolidarietà e Legacoop-Dipartimento Area Welfare socialipatrocinata dalla Società della Salute della Zona Pisana. Interverranno la presidente della Sds pisana e assessore alle politiche sociali e abitative del Comune di Pisa, Gianna Gambaccini,l’assessore regionale al Diritto alla salute, al welfare e all’integrazione socio-sanitaria, Stefania Saccardi, Alberto Grilli, Presidente Confcooperative-Federsolidarietà Toscana, Marco Paolicchi, responsabile Legacoop Toscana Dipartimento Area Welfare, Luciano Gallo, membro del gruppo tecnico dei contratti di ANCI nazionale ed esperto rapporti PA e Terzo settore, Verter Turzi, portavoce Forum Terzo Settore Pisa. A chiudere l’iniziativa il rettore dell’Università di Pisa Paolo Mancarella.

“La nuova legge regionale favorisce il coinvolgimento di cooperative nella programmazione e nella co-progettazione – spiega Alberto Grilli, Presidente Confcooperative-Federsolidarietà Toscana – e dunque, se ben promossa, può rispondere più compiutamente ai bisogni dei territori. Inoltre questa norma amplia gli strumenti per le cooperative di tipo “B”: prevede infatti l’affidamento di una quota di appalti tra il 3 e l’8 per cento alle cooperative che hanno l’obiettivo di favorire l’inserimento nel mondo del lavoro dei soggetti svantaggiati. E’ dunque fondamentale andare sui territori e incontrare non solo addetti ai lavori, ma anche amministrazioni locali e istituzioni affinché tutte le comunità possano beneficiare di questa legge”.

“Auspico che questa legge favorisca l’inclusione e l’ingresso al lavoro di persone realmente svantaggiate – afferma la presidente della Società della Salute della Zona Pisana Gianna Gambaccini – . Da parte nostra cercheremo di individuare criteri che tra queste premino coloro che risiedono sul nostro territorio da più tempo”.

By