Coronavirus Estate 2020. Guardie di Città lancia gli “Steward di spiaggia” per far rispettare le regole

PISA – Riservatezza, controllo impeccabile agli accessi, discrezione, sorveglianza: è quello che hanno sempre garantito con professionalità e competenze i Security-Men del Corpo Guardie di Città che dal 2015 fino alla scorsa stagione estiva hanno ricevuto incarichi per sorvegliare le concessioni balneari, mettere in guardia gli ospiti degli stabilimenti dall’acquisto di merce dai venditori abusivi ma anche dai massaggi praticati sulla spiaggia da massaggiatori non autorizzati oltre a controllare gli accessi alle strutture ricettive, a regolare la viabilità nei parcheggi, a distogliere i malintenzionati dal commettere reati e ad educare i turisti/clienti al
corretto comportamento da tenere in spiaggia per far percepire ai fruitori sicurezza, serenità, ordine e legalità.

Da questa estate lo “Steward di spiaggia” sarà anche una figura rassicurante e accogliente con il compito di controllare il rispetto delle regole anti-contagio Covid-19 e dare consigli ai clienti anche sull’uso dei dispositivi di protezione individuale perchè il virus non sparirà e quindi dovremo abituarci a un nuovo modo di relazionarci con gli altri.


Corpo Guardie di Città metterà a disposizione dei balneari personale appositamente formato per rispondere alle domande dei clienti, per far rispettare il distanziamento sociale, per contingentare gli ingressi, per misurare la temperatura corporea, per contribuire all’intera gestione aziendale nel far rispettare le nuove procedure che dovranno essere adottate. Per fare ciò gli addetti al servizio avranno un tablet collegato al sistema di videosorveglianza che sarà installato negli stabilimenti balneari per controllare , anche a distanza, le aree di possibili assembramenti , per verificare il rispetto delle regole sociali anti-contagio Covid-19 ma anche per prevenire fenomeni di microcriminalità, per scoraggiare i malintenzionati e/o i venditori abusivi dal commettere reati con il valore aggiunto che le immagini registrate possono essere utili per un’eventuale attività d’indagine costituendo un supporto molto efficace per le forze di polizia.

Gli “ Steward di spiaggia ” saranno quindi figure preposte a controllare il perfetto rispetto delle misure antivirus, monitorando, attraverso il tablet collegato alle telecamere di sorveglianza, la concessione, rispondendo alle domande dei clienti e distribuendo materiale informativo oltre a puntualizzare le misure base di prevenzione, come lavarsi spesso le mani,
evitare di creare affollamenti in spiaggia, ricordare di ordinare cibo e bevande possibilmente tramite mail e/o messaggi senza recarsi al bar o al ristorante, sostare vicino alle docce o ai bagni rispettando il distanziamento sociale, indossare i dispositivi di protezione individuale (ove previsto ), ricordarsi anche gli orari in cui è meglio ripararsi dal sole, insomma, gli steward dovranno dare agli utenti un quadro più completo su come vivere la spiaggia in sicurezza.

I SECURITY-MEN (detti anche steward) saranno dunque gli angeli custodi della spiaggia, i professionisti della sicurezza che, in sinergia con i bagnini e con lo staff degli stabilimenti balneari, garantiranno la privacy, la sorveglianza e la tranquillità degli ospiti preoccupandosi che non venga recato loro disturbo, controllando il rispetto delle procedure anti-contagio coronavirus, presidiando le aree riservate ai clienti ed evitando assembramenti.

By