Covid-19, a Pisa sedici nuovi casi e nessun decesso

PISA – Nell’Azienda USL Toscana Nord Ovest i casi positivi di domenica 7 marzo sono 342.

APUANE:41casi

Carrara 16, Massa 20, Montignoso 5; 

LUNIGIANA:  casi

Aulla 2, Casola in Lunigiana 2, Fivizzano 1, Licciana Nardi 1, Villafranca in Lunigiana  2;

PIANADILUCCA: 38 casi

Altopascio 7, Capannori 9, Lucca 18, Montecarlo 1, Porcari 2, Villa Basilica 1;

VALLE DEL SERCHIO: 12 casi

Bagni di Lucca 1, Camporgiano 1, Coreglia Antelminelli 2, Gallicano 3, Piazza al Serchio 2, Pieve a Fosciana 2, San Romano in Garfagnana 1;

PISA: 44 casi

Calci 2, Cascina 10, Fauglia 1, Pisa 16, San Giuliano Terme 10, Vecchiano 2, Vicopisano 3;

ALTAVALDICECINAVALD’ERA: 36casi

Bientina 5, Calcinaia 6, Capannoli 4, Casciana Terme Lari 1, Castelnuovo Val di Cecina 1, Palaia 2, Peccioli 1, Ponsacco 1, Pontedera 11, Santa Maria a Monte 4, Volterra 15;

LIVORNO: 24 casi

Collesalvetti 3, Livorno 21;

VALLIETRUSCHE: 39 casi

Campiglia Marittima 3, Casale Marittimo 1, Castagneto Carducci 3, Castellina Marittima 1,  Cecina 14, Piombino 9, Rosignano Marittimo 7, Santa Luce 1;

ELBA: 3 casi

Porto Azzurro 2, Portoferraio 1;

VERSILIA: 82 casi

Camaiore 15, Massarosa 6, Pietrasanta 3, Seravezza 6, Viareggio 52.

I guariti su tutto il territorio aziendale sono 48.329  (+114 rispetto a ieri).

Si sono registrati 2 decessi di persone residenti nel territorio aziendale:  donna di 91 dell’ambito territoriale di Lucca;  uomo di 78 anni dell’ambito della Versilia.

Si ribadisce inoltre che spetterà all’Istituto superiore di sanità attribuire in maniera definitiva al Coronavirus queste morti: si tratta infatti, spesso, di persone che avevano già patologie concomitanti.

Per quanto riguarda i ricoveri per “Covid-19”, negli ospedali dell’Azienda USL Toscana nord ovest sono in totale 321 (ieri erano 317), di cui  36 (stesso numero di ieri)in Terapia intensiva.

All’ospedale di Livorno 63 i ricoverati, di cui 6 in Terapia intensiva.

All’ospedale di Lucca 61 i ricoverati, di cui 12 in Terapia intensiva.

All’ospedale Apuane 55 ricoverati, di cui 4 in Terapia intensiva.

All’ospedale Versilia 84 ricoverati, di cui 9 in Terapia intensiva.

All’ospedale di Pontedera 33 ricoverati, di cui 2 in Terapia intensiva.

All’ospedale di Cecina 25 i ricoverati, di cui 3 in Terapia intensiva.

Si comunica che da alcuni giorni in tutte le strutture di Pronto soccorso dell’Asl Toscana nord ovest viene fatto presente ai cittadini che  “in caso di iperafflusso, i pazienti in pronto soccorso che sono in attesa di ricovero in reparto potranno essere trasferiti anche in un altro ospedale per essere ricoverati in breve tempo“. 

Questa misura è una possibilità, in un’ottica di rete ospedaliera, in caso di aumento dei ricoveri e di momentaneo maxi-afflusso in Pronto soccorso. Queste sono infatti le due condizioni per l’eventuale necessità di trasferire in un altro ospedale chi aspetta di essere ricoverato.

I numeri sopra riportati fotografano una situazione sotto controllo ma se ci fosse un aumento si potrebbero verificare momentanee criticità, anche in ragione del fatto che devono essere comunque garantiti tutti gli interventi sulle patologie tempo dipendenti, come infarti o ictus, e sui traumi da incidenti.

L’esperienza nella gestione della pandemia durante il 2020 – spiega l’Azienda sanitaria – ci ha insegnato che l’aumento dei ricoveri da Covid può essere repentino, mettendo sotto pressione le strutture di soccorso. Ecco perché dobbiamo essere pronti. Questa disposizione ha un duplice scopo: da una parte rendere subito disponibili gli spazi dei Pronto soccorso per accogliere i pazienti che necessitano di assistenza urgente; dall’altra assicurare il ricovero immediato ai pazienti in attesa in Pronto soccorso, in modo da garantire la migliore e immediata assistenza che il loro stato clinico richiede, dal punto di vista logistico e terapeutico“.

Dal monitoraggio giornaliero, infine, su tutto il territorio dell’Azienda USL Toscana nord ovest, sono  15.127 (+218rispetto ieri)le persone in quarantena perché hanno avuto contatti con persone contagiate.

By