Covid-19. La SdS martedì riapre l’ambulatorio farmaceutico Villani

PISA – In piena emergenza Covid-19 la Società della Salute zona Pisana decide la riapertura dell’ambulatorio farmaceutico Villani per consentire alle famiglie in difficoltà l’acquisto di farmaci (su prenotazione), che non sono a carico del sistema sanitario nazionale.
I pazienti non potranno accedere all’ambulatorio, che ha sede nell’ex Convento dei Cappuccini, ma dovranno inviare le richieste di farmaci all’indirizzo e-mail info@icappuccinisalute.it oppure via whatsapp al numero 331 6305486

di Antonio Tognoli

In questo periodo caratterizzato da una terribile pandemia, all’emergenza sanitaria si è aggiunta purtroppo quella sociale ed economica e fra i vari beni di prima necessità oltre agli alimenti molte famiglie sono in difficoltà per l’acquisto di farmaci – afferma Gianna Gambaccini presidente SdS della Zona Pisana – quelli non a carico del sistema sanitario nazionale, quali ad esempio gli antiepilettici, gli sciroppi per la tosse e gli integratori come le vitamine. Ed è per questo che come presidente della Società della Salute della Zona Pisana ho autorizzato la riapertura da martedì 14 aprile dell’ambulatorio Villani che distribuisce farmaci non a carico del sistema sanitario nazionale in collaborazione con la cooperativa “Il Simbolo”.

Ovviamente in questo periodo non ci potrà essere una distribuzione diretta dei farmaci – prosegue Gambaccini – Chi avesse bisogno prenoteranno i medicinali per via telematica i farmaci necessari e li andranno a ritirare alla farmacia convenzionata comunale di Via Pasquale Pardi. Voglio ricordare che stiamo implementando l’acquisto dei farmaci, grazie ad una collaborazione con il banco farmaceutico nazionaleche donerà al nostro ente farmaci non a carico del Sistema Sanitario Nazionale affinché possano essere distribuiti alle famiglie che soffrono maggiormente a causa della crisi in atto, così come stiamo facendo con i buoni spesa. Per questo voglio ringraziare Alessandro Bargagna, capogruppo della Lega – conclude Gianna Gambaccini che ormai da qualche tempo collabora sia con il banco farmaceutico che con quello alimentare e grazie appunto a questa collaborazione stiamo riuscendo ad implementare l’acquisto dei farmaci”.

By