Cristian Brega segna subito e si presenta: “Io tifo Ponsacco”. E sceglie la maglia numero 32

PONSACCO – Una manciata di minuti e subito il primo gol in rossoblù giovedi nell’amichevole con l’Urbino Taccola.

Tanto è bastato per mandare in delirio il popolo rossoblù e rispolverare quei “vecchi” cori che l’hanno fatta da padrone al Comunale di via della Rimembranza per un biennio: “Tanto già lo so, segna Brega gol” si è ricominciato a cantare già da giovedì pomeriggio.

Perché a Ponsacco è così: ci sono i bomber, quelli che hanno il gol nel sangue. E poi c’è Brega che, nella città del Ponte di Sacco, è molto di più. E il motivo lo spiega il centravanti di Pietrasanta il giorno della presentazione ufficiale, quella che ha sancito il ritorno del centravanti di Pietrasanta al club con il quale in due stagioni, fra il 2012 e il 2014, ha realizzato la bellezza di 42 reti, più di un quarto delle 148 realizzate in carriera in 300 partite: “Non faccio promesse anche perché non credo ce ne sia bisogno –ha detto -: qua mi conoscono, sanno chi sono e quello che posso dare. Dico solo che io non mi sento solo un giocatore del Ponsacco, ma anche e soprattutto un tifoso: in questi anni in cui non ho indossato la maglia rossoblù è sempre stato il primo risultato che chiedevo alla fine della mia partita”. Un amore reciproco, insomma, per niente attenuato dagli anni e dalla distanza. Brega se ne è andato nel 2014 e ha continuato a segnare con tutte le maglie che ha indossato dopo (sette reti in 17 partite con la Lavagnese, 14 il primo anno in serie D e 9 il secondo in C con il Gavorrano) e a chiedere a fine partita il risultato dell’Fc Ponsacco 1920. E i tifosi rossoblù hanno continuato a ricordare le imprese di quando c’era “Brega-gol”, nonostante stagioni ricche di soddisfazioni come raramente in passato. Tre anni dopo si sono ritrovati. Brega è pronto e scalpita: “Sto bene, nelle ultime settimane ho potuto lavorare con il Viareggio, cui va il mio ringraziamento, e quindi non sono in ritardo di condizione: dunque non vedo l’ora che la stagione inizi sul serio”.

Volevano proprio lui il presidente Donati e l’amministratore delegato Buonfiglio che sorridono soddisfatti nella nuova sede dell’Fc Ponsacco 1920 di via Traversa Livornese, in occasione della presentazione del bomber e della nuova maglia personalizzata ufficiale Mizuno. E alla fine ce l’hanno fatta: “E’ il giocatore che ci serviva per completare il mosaico e, dunque, quando si è riaperta la possibilità di portarlo in rossoblù non ci abbiamo pensato due volte a dare il via libera all’operazione” ha sottolineato Donati. “Che cosa cambia con questo nuovo arrivo? Che pensiamo di essere un po’ più forti di prima, ma non facciamo proclami e rimaniamo con i piedi ben piantati a terra –ha aggiunto -. Il che, però, non significa nascondersi: abbiamo fatto investimenti significativi e siamo consapevoli di aver allestito un organico, sulla carta, importante per la categoria:”. Niente giri di parole nemmeno da parte dell’amministratore delegato Walter Buonfiglio: “Ci saranno sicuramente almeno cinque o sei squadre che si giocheranno le posizioni di vertice e noi vogliamo essere fra quelle – dice -: è proprio per quello che abbiamo portato Brega e gli altri in rossoblù e confermato i

tanti che così bene avevano fatto nella stagione scorsa. Se ci siamo riusciti è anche grazie al sostegno dei tanti sponsor che ci stanno affiancando in questa avventura: a loro, dunque, va il nostro ringraziamento”

Accanto c’è il direttore generale Angelo Perriello e la nuova maglia ufficiale Mizuno. Personalizzata per l’Fc Ponsacco 1920 ma nel pieno rispetto della tradizione: rossoblù a strisce larghe verticali. “Siamo contenti che un marchio di rilevanza internazionale, come quello giapponese, si sia accorto di noi e abbia scelto di divenire il nostro sponsor tecnico – ha spiegato il diggì -: lo consideriamo un riconoscimento per il buon lavoro svolto sino ad oggi ma anche un incentivo a fare ancora meglio in futuro”. La numerazione sarà fissa per ogni giocatore con il numero personalizzato. Brega ha scelto il 32.

Questi gli altri abbinamenti: 1 Bulgarelli, 2 Lici, 3 Gremigni, 5 Colombini, 6 Mazzanti, 7 Mariani, 8 Remorini, 9 Vanni, 10 Doveri, 11 Tehe, 14 Menichetti, 20 Tazzer, 21 Semprini, 23 Castorani, 27 Benericetti, 88 Caciagli e 92 Carlucci.

By