Csi. A ciascuno il suo sport. Ecco la due giorni di Pisa e Pontedera

PISA – Presentato, presso la Sala Stampa del Comune di Pisa l’evento “A CIASCUNO IL SUO SPORT – CSI in Tour 2017”, organizzato dal Comitato Provinciale del CSI di Pisa, per una due giorni di Sport all’aperto che avrà per scenario, giovedì prossimo 21 settembre, Piazza Cavour a Pontedera, per poi essere replicata, il giorno seguente, a Pisa, in Piazza dei Cavalieri.

di Giovanni Manenti

Circa le finalità dell’iniziativa, Alfonso Nardella, Presidente del Comitato Provinciale di Pisa del CSI, tende a sottolineare come “la stessa voglia essere un momento importante di aggregazione per la cittadinanza intera, dando l’opportunità a chiunque, di qualsiasi età, di poter svolgere l’attività sportiva che ritiene a lui più congeniale e, per far ciò, la Piazza dei Cavalieri verrà attrezzata con strutture gonfiabili per bambini, un campo da calcio tre per tre, altro impianto attiguo per basket e pallavolo, tatami per esibizioni di danza ed arti marziali, possibilità di calciobalilla tradizionale e vivente, nonché appositi gazebo per pingpong ed anche giochi da tavolo, quali dama e scacchi”. “Tengo a precisare”, conclude Nardella, “come l’evento sia completamente gratuito e, quanto agli orari, dalle ore 9 e per tutta la mattina sarà riservato alle Scuole, dalla Materna sino alle Superiori, mentre dal pomeriggio sarà aperto a qualsiasi persona che si trovi a passare per la Piazza ed abbia voglia di cimentarsi in una delle molteplici opzioni che abbiamo predisposto, con la speranza che la manifestazione non sia ostacolata dalla pioggia, il che sarebbe un grande dispiacere”.

Per quanto attiene all’Amministrazione Comunale, l’Assessore Andrea Serfogli tiene a precisare come “il Comune abbia aderito con entusiasmo all’iniziativa promossa dal CSI, che va a collocarsi nel momento più opportuno in quanto, con l’apertura dell’anno scolastico, è il periodo in cui i giovani decidono quale attività sportiva scegliere, ed il proporre loro una vasta gamma di soluzioni alternative può essere di validissimo aiuto per indirizzarli verso lo Sport ad essi più congeniale”. “Non ci dimentichiamo”, prosegue l’Assessore, “come lo Sport vada inteso sia come valore etico che quale componente essenziale dello sviluppo educativo per consentire un corretto stile di vita, soprattutto in ottica salutistica, nonché per il ruolo che svolge dal punto di vista aggregativo, anche sotto l’aspetto sociale, assieme all’esperienza didattica”.

Come dire, mentre, specie per i più piccoli, trascorre una mattinata divertendosi non sarà certo un problema, anche per i “meno giovani” l’invito è di deviare, dalla classica passeggiata pomeridiana tra i Borghi e Corso Italia, verso Piazza dei Cavalieri per trascorrere alcune ore all’insegna di una sana e propositiva spensieratezza.

By