Cultura, ultimi due appuntamenti con il “Luglio culturale pisano” : presentazione di libri in piazza Cavallotti

PISA – Ultimi due appuntamenti in programma per il “Luglio culturale pisano: i libri riprendono la città”, rassegna curata dal Comitato Le Piagge e Carmignani Editrice, con il patrocinio del Comune di Pisa.

Il prossimo romanzo ad essere presentato, giovedì 23 luglio alle 21 in piazza Cavallotti, è “Osvaldo: L’algoritmo di Dio di Renato De Rosa edito da Carbonio Editore. Appena pubblicata, quest’opera narrativa,  in bilico fra il giallo e la fantascienza, aspira a diventare un vero e proprio best seller nazionale ambientato a Pisa. L’autore, già noto al grande pubblico per “La variante del pollo (come fare bella figura senza aver mai letto un libro)” edito da Mursia usa la sua vis comica per costruire un intreccio intrigante e spassoso, ma che, come nella migliore tradizione pirandelliana, dà spunti di riflessione profondi. In questo incontro affiancherà Renato De Rosa il professor Pierluigi Barrotta, direttore del Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere che ha affrontato già l’argomento anche nel suo saggio “Scienza e Democrazia”. A moderare e presentare l’incontro Chiara Bacci, speaker radiofonica autrice teatrale e scrittrice.

Conclude la rassegna, domenica 26 luglio alle 21,15 una doppia presentazione di testi poetici. Si tratterà de il “Poema dei colori” di Simonetta Princivalle, un excursus nel mondo dei colori dai quali l’autrice, poetessa, veronese di nascita e pisana di adozione, laureata in filosofia e artista dedita alle arti figurative, ha attinto schegge di versi, pensieri poetici e stimoli letterari nel tentativo di abitarli con l’anima, la mente e il cuore. Ma si parlerà anche della raccolta poetica “Il Tempo liquido” di Martina Tardioli, giovane poetessa pisana. Leggerà i testi Francesco Padovani, Dipartimento Filologia, letteratura e linguistica dell’Università di Pisa.

Le iniziative si svolgono tutte all’aperto e in spazi pubblici per garantire lo svolgimento in totale sicurezza e con il regolare distanziamento sociale.

By