Dal 24 giugno musica classica e jazz tornano sotto la Torre

PISA – Per il dodicesimo anno, torna la rassegna di musica classica e jazz organizzate dall’Opera della Primaziale Pisana nel Chiostro del Museo dell’Opera del Duomo.

Torna, dal 24 giugno all’11 luglio 2013 nel Chiostro del Museo dell’Opera del Duomo di Pisa, la rassegna Musica sotto la Torre, giunta quest’anno alla dodicesima edizione. Sei serate di musica classica e jazz, organizzate dall’Opera della Primaziale Pisana, con il contributo di Gi-Group, agenzia per il lavoro, Farmigea, industria chimico farmaceutica, Cattolica Assicurazioni, agenzia di Pisa di Morelli Deborah, Inner Wheel, Carla Viegi Gioielleria, Nuova Kros Studio srl.

Ad aprire la rassegna, lunedì 24 giugno, il pianoforte di Enrico Pieranunzi, con Luca Bulgarelli al contrabbasso e Mauro Beggio alla batteria. Il trio eseguirà alcuni brani dell’album FelliniJazz, l’omaggio al grande regista italiano e alle musiche dei suoi film, realizzato da Pieranunzi. A vent’anni dalla scomparsa del geniale regista riminese, in programma musiche da: I vitelloni (Rota), Il bidone (Rota), La città delle donne (Bacalov), Amarcord (Rota), Cabiria’s Dream (Pieranunzi), La dolce vita (Rota), La strada (Rota), Le notti di Cabiria (Rota) e Fellini’s Waltz (Pieranunzi). La serata è realizzata anche grazie al contributo di Inner Wheel Pisa.

Protagonista da molti anni del jazz italiano ed europeo, Pieranunzi si esibisce in questo concerto con la formazione che fin dagli esordi ha costituito il suo terreno privilegiato di espressione e sperimentazione. Il classico trio piano-basso-batteria è, infatti, la dimensione sonora che gli ha offerto le migliori opportunità per far emergere appieno le sue qualità di strumentista, interprete, compositore. Innumerevoli i concerti e le incisioni con celebri e apprezzati trii italiani (lo Space Jazz Trio degli anni ’80), americani (con Marc Johnson e Joey Baron o con Charlie Haden e Paul Motian) ed europei (con Hein Van de Geyn e André Ceccarelli). Una produzione ricca in quantità e qualità, che ha consentito al pianista italiano di dare un contributo importante allo sviluppo di questo tipo di formazione.

Il 28 giugno torna sul palcoscenico di Musica sotto la Torre Mattia Cigalini, il giovane sassofonista, classe 1989, nuova stella del firmamento del jazz italiano. Con lui, Luigi Tessarollo alla chitarra, Davide Liberti al contrabbasso e Alessandro Minetto alla batteria.
Per il 1° luglio in programma una serata dal titolo Da Monteverdi a Mina. Il lungo viaggio della musica italiana dal ‘600 fino agli anni ’60. Claudio Monteverdi e Mina Mazzini, due personalità completamente diverse e lontane nel tempo ma legate da un sottilissimo “filo rosso” che giunge fino a noi. Quasi quattro secoli separano i due grandi artisti, eppure molti sono i punti in comune che li legano indissolubilmente: la città di Cremona; il loro essere rivoluzionari a dispetto della critica; il loro essere i simboli di un nuovo modo di fare spettacolo. La particolarissima voce di Vincenzo Capezzuto diviene il vero filo conduttore di tutto il concerto; una voce, dalla tessitura rara e indefinita, capace di accompagnare il pubblico in questo viaggio tra epoche lontane ma inequivocabilmente intrecciate.

Il 4 e l’8 luglio, due appuntamenti dedicati alla musica classica. Barbara Gabbani al clarinetto, Elisa Waccher al violoncello e Davide Da Ros al pianoforte, il 4 luglio, e musiche di L. van Beethoven e G. Pacini. Lunedì 8 luglio, per il Progetto Divertimenti di Mozart, già intrapreso a partire dall’edizione 2010, l’Orchestra Giovanile Italiana e Orchestra dell’Accademia Mozarteum di Salisburgo, dirette da Wolfgang Redik, eseguiranno musiche di W.A. Mozart.

Ultimo appuntamento, giovedì 11 luglio, con Vincenzo Maxia e Marco Podestà, duo pianistico a quattro mani. Eseguiranno per il pubblico pisano musiche di W.A. Mozart, F. Schubert, J. Brahms, A. Dvořák, M. Ravel.

Fonte: www.comune.pisa.it

20130620-135600.jpg

You may also like

By