Dalla Puglia a Pisa per riscoprire la città dall’alto delle Antiche Mura

PISA – Scoprire e riscoprire Pisa dall’alto delle Antiche Mura: è quello che hanno fatto i 40 membri dell’associazione culturale ‘Donne in Corriera’ venuti da Bari in occasione del Pisa Book Festival.
L’associazione pugliese è nata nel 2011 per condividere l’amore per la lettura e per visitare i luoghi che testimoniano la storia e la cultura del nostro Paese.

Dopo l’ingresso dalla Torre di Legno di piazzetta Del Rosso, a pochi passi dal Palazzo dei Congressi dove si teneva il festival librario, la visita è proseguita lungo il parco delle Concette, un angolo di verde in pieno centro storico, e per piazza delle Gondole, anticamente porto per le imbarcazioni che, cariche di pietre e altri materiali, arrivavano a Pisa dal lungomonte percorrendo il fosso del Mulino. Dopo aver apprezzato la chiesa di San Francesco, San Zeno e i Bagni di Nerone, la visita è culminata in piazza dei Miracoli, dove i partecipanti hanno potuto ammirare dall’alto il suggestivo scenario che comprende la Torre Pendente, il Duomo, il Battistero, il Camposanto Monumentale e il cimitero ebraico.Anche per chi ha già visitato la città negli anni passati, il camminamento in quota, aperto regolarmente e quotidianamente da maggio, rappresenta una novità che permette di apprezzare sia affascinanti angoli nascosti della città sia luoghi già noti ma visibili da una nuova prospettiva. Il percorso è anche un viaggio attraverso la storia di Pisa, dall’epoca romana, testimoniata dalle antiche terme, ai fasti della Repubblica Marinara, periodo durante il quale iniziò la costruzione dell’attuale cinta muraria, ai bastioni cinquecenteschi, fino agli anni del secondo dopoguerra e alla trasformazione da città manifatturiera a città della ricerca, ne è un esempio l’ex polo tessile Marzotto riconvertito a facoltà universitaria e nella cui area si trova la torre piezometrica, un altro accesso alle Mura.

Realizzate tra il XII e il XIII secolo, le Mura di Pisa sono un fulgido esempio dell’architettura militare dell’epoca. Nella parte settentrionale della città si sono conservate quasi interamente: questo ha permesso il loro restauro e oggi si può percorrere il camminamento in quota, da cui ammirare un inedito panorama cittadino. Il percorso misura 3 km con 4 punti di salita, di cui 3 accessibili alle persone con disabilità; intorno alle Mura si sviluppano 3 ettari di verde urbano, il cosiddetto pomerio. Il camminamento in quota è aperto tutti i giorni con orari diversificati a seconda del periodo dell’anno, il prezzo di ingresso intero è 3 euro, informazioni dettagliate sul sito www.muradipisa.it.

 

 

By