Daniel Ciofani, la bestia nera del Pisa: “Spero di ripetermi, ma sarà dura”

PISA – Venerdi’ sera il Pisa si ritrovera di fronte Daniel Ciofani, attaccante che lo scorso anno militava nel Perugia e ha realizzato due gol alla squadra nerazzurra, uno in campionato e uno ai play-off.

Ciofani quando vede il Pisa gli brillano gli occhi. In carriera ha segnato ben 5 reti alla squadra nerazzurra. Due gol con l’Atletico Roma e con il Perugia ed uno nella gara di andata.

“Venerdì spero di ripetermi e di tornare al gol. Per noi è una partita importantissima. Dobbiamo dare seguito alla vittoria di domenica ad Ascoli che ci ha permesso di tenere il passo del Perugia. Un successo tra l’altro non meritato ma siamo stati bravi a capitare il gol di Curiale. Al contrario gli avversari hanno costruito di più ma non riusciti a segnare anche grazie alle parate di Zappino”.

Ciofani entra poi nell’argomento ammonizioni-espulsioni. Canarini troppo nervosi. Troppe espulsioni. Ad Ascoli è stato Gessa ad uscire anzitempo e venerdì mancherà. “Devo dire che Gessa ha fatto due falli ed ha ricevuto altrettanti cartellini, mentre a Pestrin gli è stato permesso tutto. Gli arbitri dovrebbero avere lo stesso metro di giudizio. E’ pur vero che noi dobbiamo essere intelligenti ad evitare ammonizioni gratuite. Abbiamo capito che c’è tolleranza zero e quindi bisogna adeguarsi. Comunque preferisco la foga che giocatori senza sangue. Inoltre in Prima divisione troviamo direttori di gara giovani ed insperti, mentre in Seconda dove si retrocede spesso e volentieri ci sono arbitri più navigati”.

Tempo di bilanci dopo la fine del girone d’andata. “A livello personale sono soddisfatto. Sto avendo un ottimo rendimento, 9 reti sono un buon bottino, potevo fare di più ma mi accontento. Come squadra stiamo andando benissimo ed il successo di Ascoli ci fa ben sperare. Rispetto al Perugia, siamo stati più regolari. Gli umbri sono partiti male e poi si sono ripresi con un filotto di vittorie che ha contentito loro di conquistare la vetta”.

Sul campionato teme il ritorno del Lecce. “Malgrado abbia perso contro di noi, la formazione salentina mi ha impressionato e potrebbe arrivare in fondo. Ovviamente c’è il Perugia, compagine fortissima con un Fabinho che spacca le gare”.

Venerdì il Pisa e poi domenica il Catanzaro per un doppio turno casalingo che potrebbe regalare al Frosinone la vetta. Il Perugia infatti domenica affronterà il Gubbio e poi riposerà. Con 6 punti i canarini sarebbero primi e potrebbero tentare una mini fuga. “Fare il pieno sarebbe fondamentale, ritengo che le prime dieci giornate del girone di ritorno siano importantissime perché gettano le basi per lo sprint finale. Contro Pisa e Catanzaro saranno due partite importantissime. Sono avversarie attrezzate. Pensiamo alla prima, vincere metterebbe pressione al Perugia che giocherà dopo due giorni. Sarà dura, il Pisa è tornata alla vittoria dopo il cambio di allenatore e di modulo». Infine il bomber giallo azzurro parla dell’arrivo di Carlini. “Ha grandi qualità tecniche e poi mi sembra che sia un bravissimo ragazzo”.

Si ringrazia per la foto e la collaborazione per l’intervista Gianni Lenzi del quotidiano “La Provincia”

20140108-111516.jpg

By