Daniele Chiarini: “Fra Arezzo e Pisa non sarà una sfida scontata”

PISA – La sfida playoff fra Arezzo e Pisa in programma allo stadio “Città di Arezzo” mercoledì 29 maggio alle 20,30 si sta avvicinando a grandi passi e Pisanews a tal proposito ha contattato telefonicamente un ex difensore che ha lasciato buoni ricordi nella memoria del popolo nerazzurro. Stiamo parlando di Daniele Chiarini, classe 1979, aretino doc di Bibbiena, che oltre ad aver giocato nella compagine amaranto della propria città, ha vestito la maglia del Pisa conquistando una promozione in serie B con mister Piero Braglia.

                     di Maurizio Ficeli 
D. Ciao Daniele, grazie della tua disponibilità, cosa stai facendo attualmente?
R. “Sono 4 anni  che alleno squadre a livello di eccellenza e di serie D della zona di Arezzo e Siena anche se adesso sono fermo in attesa di una nuova chiamata. Attualmente possiedo il patentino di terza, anche se a breve voglio ottenere il patentino di Uefa B per poter allenare a livello professionistico”.
D. Veniamo al dunque, tu sei aretino doc ed ex degli amaranto e del Pisa, che il sorteggio playoff ha messo di fronte in una sfida che le vedrà di fronte come gara di andata mercoledì 29 maggio al “Città di Arezzo”: che giudizio dai su entrambe le squadre?
R. “Credo che sia il Pisa che l’Arezzo siano in un momento di grande forma sia a livello psicofisico che di condizione atletica. dove nella fase finale della regualar season vi  è stato un crescendo di risultati per i nerazzurri e per l’Arezzo una bella partenza in campionato, migliore del previsto, e che sta continuando a far vedere tutt’ora il suo valore.Non ci scordiamo tra l’altro  che nel doppio confronto dei playoff contro la Viterbese gli amaranto hanno segnato ben 5 reti senza subirne alcuna.Poi vi è un ottimo allenatore come Dal Canto .Inoltre qui ad Arezzo i tifosi sono molto galvanizzati per questa squadra che sta dando loro grandi soddisfazioni “.
D. Avrai avuto modo di informarti anche sul Pisa, qual è il tuo giudizio? 
R. “Vedo che i nerazzurri sono una compagine che non molla mai, del resto lo si è visto nella gara playoff dell’andata a Carrara nella quale, pur sotto di due reti, sono riusciti a pareggiare. Direi una squadra con grandi valori sia individuali che di gruppo. Poi Pisa ha una tifoseria che è numerosa a livello di presenze in Lega Pro anche se bisogna dire che ad Arezzo si è risvegliata una grande passione ed un gran seguito per la squadra amaranto “
D. Riguardo all’ Arezzo, c’è un giocatore che ti ha colpito in particolare? 
R. “Mi ha molto  impressionato Brunori, giocatore di qualità ed ottime doti tecniche, con una grande propensione a lottare e non mollare mai “.
D. Mentre invece del Pisa chi ti ha impressionato?
R. “Non saprei nominarti qualcuno in particolare, ti posso dire però che se Moscardelli sta bene è sempre un’arma in più che può fare bene con la sua esperienza  a tutto vantaggio dei nerazzurri “.
D. Che partita ti immagini possa essere questa sfida di andata dei playoff fra Arezzo e Pisa?
R. “A mio avviso non sarà una partita scontata, ma giocata sul filo del rasoio, dove sarà determinante l’intensità che riuscirà a tirare fuori l’Arezzo, dalla quale il Pisa dovrà  stare attento a non farsi schiacciare se vorrà portare in fondo un risultato a proprio favore, altrimenti i nerazzurri possono rischiare qualora permettessero all’Arezzo di tenere in mano il pallino del gioco “.
D. Concludiamo parlando del periodo in cui hai giocato nel Pisa, che ricordi hai?
R. “Di Pisa ho ricordi bellissimi,a Pisa voglio bene, sono stato lì per 1 anno e mezzo ed ho vissuto grandi emozioni con l’ambiente ed i tifosi nerazzurri, anche se Arezzo è la mia città, da qui sono partito, ho giocato nell’ Arezzo ed ho sempre fatto il tifo per la squadra amaranto “.
By