“Con Danti Per Pisa”. Ecco i candidati e le candidate al Consiglio Comunale di Pisa

PISA – “Con Danti Per Pisa”. La lista raccoglie un gruppo di persone che fa del civismo e della voglia di ricostruire il senso di comunità i valori ispiratori per l’azione di sviluppo e governo futuro della città, che non va lasciata al cinismo e all’individualismo che ispirano le soluzioni tanto semplici quanto inefficaci propagandate dalle destre.
Esperienze e storie personali di impegno che testimoniano la voglia di mettere a disposizione degli altri le proprie variegate capacità di identificare, approfondire ed elaborare soluzioni, coniugando microazioni e visioni di lungo periodo.

La volontà di riaffermare la funzione di intermediazione sociale propria della sinistra politica, di una sinistra che vuole partecipare al governo della cosa pubblica, e per questo si candida in una prospettiva di coalizione, riportando l’amministrazione ed il consiglio comunale alla loro primaria funzione: il luogo di traduzione amministrativa dei problemi e delle soluzioni che nascono in seno alla comunità. Per correggere le scelte fatte in passato laddove emergano criticità e riempire di contenuti le scelte future.

La riqualificazione urbanistica, la gestione del tema sicurezza, il rilancio di grandi temi quali cultura, sociale, politiche giovanili, di formazione e investimento nelle persone, pensiamo non possano non partire da un dato di realtà che solo chi le vive direttamente può rappresentare a chi si propone di amministrarle. La criminalità e le illegalità vanno tutte contrastate, ma la funzione di una amministrazione non può limitarsi alla richiesta di maggiori risorse e impegno in forze dell’ordine. La crescente richiesta sicurezza è una richiesta di protezione, le cui radici affondano nella mancanza di azioni che prevengano le emergenze molto prima che esse diventino tali.

Attività commerciali che convivono con inefficienze e percepiscono scarso supporto “dal sistema” pur nel tentativo di generare lavoro e qualità, così come le associazioni e privati cittadini impegnati in iniziative culturali e di movida sana, dove aggregazione e fruizione del bello vanno di pari passo, le associazioni che lavorano per e insieme a migranti e fasce più a rischio di emerginazione e di illegalità: solo mettendosi in contatto con loro, ascoltando e chiarendo i punti di conflitto, per elaborare soluzioni partecipate, la futura amministrazione potrà aiutare questa città a cogliere le tante potenzialità che ancora può esprimere.

Con questo metodo svilupperemo nei prossimi giorni il nostro contributo all’elaborazione dei punti programmatici della coalizione, con la quale condividiamo la assoluta necessità di ripartire dai quartieri, con le loro specificità, come luoghi fisici e simbolici in cui le persone possono e devono tornare a sentirsi parte attiva e coinvolta.

Tanti saranno i temi che ci vedranno attivi, come cultura, sport, ecologia, innovazione e ricerca, solidarietà, diritti sociali, trasparenza dell’azione amministrativa. Partiamo oggi con entusiasmo e la speranza di contribuire a rimettere in moto una Pisa virtuosa, che esiste e non possiamo lasciare sola.

  1. Dario Danti, 41 anni, insegnante

  2. Ivan Acerbi, 37 anni, commerciante

  3. Valeriana Ammannati, 70 anni, cuoca e facilitatrice sociale presso l’associazione “l’Alba”

  4. Silvia Bencivelli, 40 anni, giornalista scientifica

  5. Alessio Bini, 34 anni, operaio Menarini

  6. Giuliano Campioni, 72 anni, Professore ordinario dell’Università di Pisa

  7. Ilaria Carboni, 37 anni, barista

  8. Valentina Carradossi, 34 anni, cameriera

  9. Riccardo Cerchiai, 46 anni, educatore cooperativa, coordinatore servizi alta marginalità

  10. Teresa Crisci, 43 anni, disoccupata, ex dipendente pubblica amministrazione

  11. Salvatore Damiani, 61 anni, dipendente azienda privata

  12. Sara Dolci, 34 anni, chimico tecnico di laboratorio

  13. Francesco Fasulo, 46 anni, commerciante

  14. Federico Filidei41 anni, medico chirurgo

  15. Duccio Ghelardoni, 54 anni, infermiere libero professionista

  16. Paolo Giommarelli, 55 anni, attore e regista

  17. Diego Iadarola, 34 anni, operatore sociale

  18. Michele Lanzo, 37 anni, game designer, videomaker, insegnante di arti marziali

  19. Ilario Luperini, 74 anni, critico e storico dell’arte

  20. Renato Mariani, 77 anni,pensionato EELL

  21. Deniona Maxhalaku dettaDeni, 36 anni, operatrice Sprar (Sistema protezione richiedenti asilo e rifugiati)

  22. Modou Khabane Ndao dettoKhabane, 63 anni, mediatore culturale, primo presidente Consiglio provinciale degli Stranieri di Pisa (2006-2009)

  23. Ida Nicolini, 74 anni, pensionata, Vicepresidente Federazione di atletica leggera

  24. Fulgencio Esono Obiang dettoFulgencio, 48 anni, ingegnere civile

  25. Graziano Pardini, 60 anni, dipendente Provincia di Pisa

  26. Piero Pierotti, 78 anni, pensionato, Presidente nazionale Associazione Italiana Balbuzie (Aibacom Onlus)

  27. Francesco Pingitore, 40 anni, ingegnere elettronico

  28. Raffaella Pretini, 49 anni, insegnante

  29. Antonella Ravviso, 53 anni, insegnante

  30. Francesco Suppressa, 22 anni, studente universitario

  31. Federico Tamagni, 38 anni, Professore associato di Economia politica, Scuola Superiore Sant’Anna

  32. Chiara Turelli, 25 anni, studentessa universitaria


 

 

 

By