Darsena Europa, il Comune di Pisa stanzia 30 mila euro per uno studio sull’impatto

PISA – Trentamila euro inseriti nel prossimo bilancio di previsione del Comune di Pisa per commissionare uno studio sull’impatto ambientale sul litorale pisano della Darsena Europa, la grande opera che prevede la realizzazione di una serie di infrastrutture invasive nella porzione di mare antistante al porto di Livorno.

Ad annunciarlo è l’assessore all’Ambiente del Comune di Pisa Filippo Bedini, rispondendo durante l’ultimo consiglio comunale a un’interrogazione di Diritti in Comune.

“Una volta ricevuta la delega all’ambiente – ha dichiarato Bedini – mi sono comportato in maniera consequenziale alle preoccupazioni che ho sempre nutrito sulla Darsena Europa, fra l’altro più volte sollevate con atti e pubblicamente quando ricoprivo il ruolo di consigliere comunale di opposizione. Nei mesi scorsi ho incontrato i tecnici dell’Autorità Portuale di Livorno, ai quali avevo chiesto di essere ricevuto per essere informato sullo stato d’avanzamento del progetto. L’illustrazione non mi ha convinto più di tanto, soprattutto in relazione al fatto che, secondo il loro progetto, gli studi sull’impatto ambientale li deve produrre lo stesso soggetto che realizzerà l’opera, in pratica controllato e controllore sarebbero in capo allo stesso soggetto.

Da qui la decisione, condivisa col Sindaco Conti, di mettere a bilancio 30 mila euro per commissionare uno studio a una società terza, che sarà scelta fra quelle specializzate nelle indagini sull’impatto ambientale di opere foranee che ci sono in tutto il mondo. Siamo disponibili, se ce ne sarà bisogno, a mettere altre risorse successivamente per andare fino in fondo nel capire come muoversi per tutelare il nostro litorale.

“Abbiamo fatto quello che la precedente amministrazione a trazione PD ha sempre promesso e mai realizzato – conclude Bedini – assumendo un impegno economico importante per uno studio che certo sarebbe stato meglio fosse stato assunto qualche anno fa, quando il progetto – secondo noi già vecchio prima di iniziare – è partito e non era in stato così avanzato”.

By