Decreto Sicurezza. Lega Pisa: “Le leggi dello stato devono essere rispettate. Sbagliare e’ umano perseverare e’ da PD”

PISA – “Le leggi dello stato devono essere rispettate da tutti e un sindaco che ha giurato sulla costituzione,che rappresenta i cittadini, le istituzioni e lo stato non può sospendere un decreto approvato dal parlamento democraticamente eletto e controfirmato dal Presidente della Repubblica.
La presa di posizione di alcuni sindaci e’ strumentale ed inutile, come quello di Palermo, che non intende applicare la parte del decreto sicurezza relativa ai migranti“. Questa l’opinione della Lega di Pisa che sostiene a spada tratta l’operato del Ministro Matteo Salvini.

Si definiscono rappresentanti del popolo e poi disconoscono un elemento di assoluta democrazia come il decreto sicurezza invocato dal popolo. Per fare opposizione ognuno sceglie gli argomenti che vuole, il pd ha scelto questo ; ancora una volta contro gli italiani. Un modo di agire  inaugurato dal sindaco di Riace : quando non ti va bene una legge che confligge con le tue idee inizi a non applicarla. Un sindaco è solo un primo cittadino eletto dai suoi concittadini quindi come tutti gli altri e forse ancora più degli altri deve rispettare le leggi ma soprattutto deve invitare i cittadini a rispettarle non ad infrangerle come fece il sindaco di Riace. Per andare contro il ministro dell’Interno, alcuni sindaci del PD danneggiano le persone che dovrebbero rappresentare. Vorrebbero tornare indietro e riconsegnare loro insicurezza, illegalità e clandestinità. Pur di colpire la Lega e  Salvini, se ne fregano se sulla traiettoria vi siano i cittadini italiani. Il Decreto Salvini è uno strumento efficace che, portera’ soltanto benefici come abbiamo già visto da subito. E di fronte alla disobbedienza di Orlando, di De Magistris e ora anche il Pd pisano si schiera contro il Decreto sicurezza dimenticando ancora una volta che queste politiche pro clandestini e contro i cittadini proprio nella nostra città hanno condotto il loro partito alla sconfitta sonora. Sbagliare e’ umano, perseverare e’ da PD“.
By