“Difendere e diffondere la Legalità”: imprenditori pisani in corteo”

PISA – Hanno manifestato in corteo per difendere e diffondere il valore della legalità

imageUn centinaio di imprenditori pisani martedi mattina hanno sfilato lungo le vie del centro sotto l’egida di ConfcommercioPisa, in occasione della IV giornata nazionale “Legalità mi piace” per dire basta all’abusivismo commerciale, basta alla contraffazione, basta a tutti i fenomeni illegali che compromettono il lavoro delle attività regolari e alimentano i traffici illeciti della criminalità. Che si tratti di abbigliamento o giocattoli, di medicinali o ristorazione, di immobili o di intrattenimento, il fenomeno ha assunto livelli insostenibili: nel 2016 le imprese del commercio hanno perso 26,5 miliardi di euro a causa dei fenomeni legati alla criminalità. Tra abusivismo, contraffazione e taccheggio sono andati in fumo 20,8 miliardi di euro di fatturato, mentre i costi spesi per la difesa e le assicurazioni ammontano a 5,7 miliardi di euro. Altri 5,6 miliardi di euro sottratti riguardano il settore della ristorazione. Il corteo di imprenditori, munito di fischietti e cartelli che riportavano messaggi “io indosso legale, io bevo legale, io ballo legale, io compro legale…” ha preso il via dalla stazione ferroviaria dopo aver osservato un minuto di silenzio, dopodichè ha raggiunto piazza Vittorio Emanuele, da qui ha percorso Corso Italia prima di effettuare una seconda sosta in piazza XX settembre sotto le finestre del comune di Pisa, per concludersi infine in Largo Ciro Menotti.

Parola alla presidente di ConfcommercioPisa Federica Grassini che ha deplorato l’assenza alla mnifestazione di un rappresentante del comune di Pisa: “Nella giornata nazionale dedicata alla legalità, nelle stesse ore in cui il presidente della Repubblica Sergio Mattarella parlava della legalità come di un valore fondamentale della democazia, a Pisa registriamo la totale assenza di un qualsivoglia rappresentante istituzionale del comune, che con la propria significativa presenza avrebbe dimostrato concreta vicinanza alle istanze di questi imprenditori. Peccato davvero, la città nella sua interezza ha perso una occasione per lanciare un messaggio forte nella direzione da tutti noi auspicata”.

Posizione condivisa anche dall’assessore al turismo e al commercio di Volterra Gianni Baruffa che, pur essendo il rappresentante del comune più lontano da Pisa, dove i fenomeni di abusivismo e contraffazione non esistono, avrebbe avuto piacere sfilare su questi temi accanto ad un rappresentante del comune capoluogo. Tra gli amministratori locali invitati, hanno portato il loro convinto ed esplicito sostegno, Roberto Michi, assessore al commercio di Santa Maria a Monte e Michele Lombardi, presidente del consiglio comunale di Ponsacco.

Stila un bilancio della manifestazione il direttore di ConfcommercioPisa Federico Pieragnoli: “Al di la delle assenze istituzionali gravi e ingiustificate, credo di poter dire che Pisa ha risposto con grande coerenza ed efficacia a questa giornata nazionale sulla legalità. Per noi come associazione e per gli imprenditori che rappresentiamo la legalità è un valore da difendere, sostenere e diffondere per 365 giorni all’anno, nonostante e a dispetto di tutti coloro che non ci credono e che solo raramente hanno dimostrato una decisa volontà politica di risolvere questi problemi”.

By