Difesa del diritto alla sanità pubblica: la posizione del M5s

Toscana – Oggi è stata indetta una mobilitazione per difendere il diritto alla sanità pubblica, sancito in Italia dall’articolo 32 della Costituzione. Sono previste manifestazioni in ben 26 Città e 18
Regioni per il sostegno ad un SSN pubblico, universale, equo, di qualità, solidale e sostenuto dalla fiscalità generale. Adesione da parte del M5S.

Ad esempio, in Piazza Duomo a Firenze er presente anche la portavoce M5S aretina Chiara Gagnarli che ha commentato: “Oggi milioni di persone rinunciano a curarsi per motivi economici. Il rapporto annuale CENSIS nel 2016 ha denunciato che 11 milioni di italiani hanno dichiarato di aver rinunciato o rimandato le prestazioni sanitarie. L’accesso alle cure è sempre più complicato per motivi economici, le liste di attesa sempre più lunghe ed i ticket sempre più esosi. Questo perché la salute oggi è equiparata ad ogni altro bene di consumo, ed è legata in maniera sempre più forte al reddito ed alla capacità di acquisto.
Anche per questo – ricorda la pentastellata Gagnarli – in Parlamento lunedì ci sarà in discussione la nostra mozione per la riduzione delle liste di attesa e le attività di intramoenia, un altro atto in difesa della salute dopo la mozione a prima firma Giulia Grillo (M5S) del 2015 sullo sblocco del turn over in sanità e l’attuazione delle procedure di mobilità interregionale del personale sanitario che, purtroppo, non ha ancora avuto alcun seguito.
Oggi quindi siamo qui a tutelare il diritto alla salute sempre più negato dalle scelte politiche scellerate degli ultimi anni”.

 

By