Domani alle 15 la manifestazione della comunità bengalese. Filippeschi: “Tutta la città sarà con voi”

PISA – “Tutta la città domani sarà con voi per chiedere giustizia e verità per Zakir, vittima di un atto di violenza assurdo che deve quanto prima avere una spiegazione e dei colpevoli». Così il Sindaco Marco Filippeschi questa mattina nel corso della conferenza stampa tenuta dallo stesso primo cittadino e dalla comunità bengalese pisana proprio all’incrocio fra Corso Italia e Vicolo San Bernardo, esattamente nel punto in cui Zakir Hossain è stato aggredito domenica notte, per lanciare la manifestazione che domani pomeriggio alle 15 partirà da Piazza Vittorio per attraversare il centro storico e arrivare fino a Piazza Mazzini.

“Quella di domani – hanno ribadito i rappresentanti della comunità bengalese intervenuti – sarà una manifestazione assolutamente pacifica e senza alcuna bandiera, ma con una richiesta chiara e forte: vogliamo verità e giustizia, è nostro diritto sapere perché è stato ammazzato il nostro amico Zakir e conoscere il nome di chi lo ha ucciso in quel modo e invitiamo tutta la cittadinanza pisana, di cui siamo felici di far parte, a scendere in piazza e manifestare insieme a noi perché cose del genere non abbiano più a ripetersi”.

“Ci sarò sicuramente anch’io e penso anche molti altri cittadini per esprimere la vicinanza e la commozione di tutti i pisani», ha ribadito il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi che, a margine della conferenza stampa ha anche avuto di salutare telefonicamente la figlia della vittima. «Faremo il possibile per essere vicini alla moglie e ai figli alleviandone un po’ sofferenze e incombenze in questo momento difficilissimo – ha detto – tramite la Usl abbiamo già individuato un medico legale disponibile a seguire le indagini per conto della famiglia e, attraverso la Società della Salute, quando sarà il momento, assicureremo il trasporto della salma da Pisa fino all’aeroporto di Fiumicino da dove, poi, la compagnia di bandiera bengalese assicurerà il trasporto gratuito fino a Dacca, la capitale del Bangladesh”.

20140417-144414.jpg

By