Domenica 3 Novembre omaggio a Pina Bauch con “Pina…ma perché Napoli no!?”

PISA – Uno spettacolo della coreografa Flavia Bucciero che prende vita da un pensiero, una domanda retorica, un sogno, un desiderio incompiuto: perché un’artista come Pina Bausch che ha dedicato tanto della sua produzione agli umori di molte città internazionali, non ha realizzato uno spettacolo su Napoli, città così stimolante per creare?

Napoli e Pina Bauch. Da un incontro mai avvenuto, un amore che c’è stato, ma che non ha dato mai luogo ad una creazione ispirata alla città, nasce lo spettacolo di Flavia Bucciero “Pina… ma perché Napoli no!?”. Una produzione realizzata con il sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Regione Toscana che andrà in scena a Pisa – domenica 3 novembre alle 21 presso Teatri di Danza e delle Arti in Corte Sanac – nell’ambito della rassegna “NavigArte 2013. NavigAzioni fra danza, musica, arti visive alla Porta del Mar”, ideata da Movimentoinactor Teatrodanza in collaborazione con il Consorzio Coreografi Danza d’ Autore e il sostegno di Comune di Pisa, Fondazione Pisa, Unicoop FI sezione soci Pisa e l’adesione di Fondazione e Museo Piaggio, in corso fino all’8 novembre.

“Pina…ma perché Napoli no!” è un omaggio di Flavia Bucciero alla grande coreografa e artista tedesca (scomparsa da alcuni anni) che ha avuto un ruolo importante nella sua formazione e alla sua città di origine, una Napoli piena di contraddizioni: sensuale come una bella donna ma acida e spietata, divertente e ironica e al tempo stesso tragica e disincantata. Tra brevi citazioni neomelodiche e tracce di musica barocca, turca, araba, jazz, con spiccate contaminazioni mediterranee, la trama dello spettacolo si snoda ispirandosi alle straordinarie suggestioni del teatro-danza di Pina Bauch e incarnando gli umori sotterranei di Napoli e del suo ventre. La regia e coreografia sono di Flavia Bucciero, l’assistente alla coreografia è Franco Corsi, i danzatori e interpreti oltre a Flavia Bucciero sono Franco Corsi, Sabrina Davini, Laura Feresin e Cristian Ponzi. Il disegno luci e l’idea scenografica sono di Riccardo Tonelli. I costumi di Lucia Castellana.

Con questo spettacolo Flavia Bucciero realizza l’utopia descritta dal suo stesso sogno, e traduce in danza e musica, l’immaginario rincorrersi dell’artista che più ama, con la sua città di nascita. Non a caso il breve monologo iniziale dello spettacolo recita: “Ho fatto un sogno. Ti ho sognata. Tu correvi, correvi, correvi, danzavi e correvi, correvi e danzavi per tutto il mondo per tutta la terra (…) poi sei passata pure per Napoli, ma non ti sei fermata, non hai creato nessuna danza per questa città (….)”. Ironia e malinconia, violenza ed erotismo sono solo alcuni degli ingredienti dello spettacolo, un affascinante gioco di specchi che ruota intorno alla domanda “perché la grande Pina Bauch non ha mai realizzato uno spettacolo su Napoli?”. Un interrogativo destinato a rimanere senza risposta.

Lo spettacolo, dopo essere stato presentato in vari Teatri e Rassegne nazionali e internazionali, tra cui di recente al 35° Festival Vignale Danza (Torino) con grande successo di pubblico e di critica, viene finalmente presentato in prima regionale a Pisa.

Biglietti: € 8, ridotto € 5 (per studenti universitari, bambini, anziani, residenti del quartiere di Porta a mare, Cep, Barbaricina, scuole di teatro e danza, soci Coop).

Info e prenotazioni: Teatri di Danza e delle Arti-Via del Chiassatello-Corte Sanac 97-98 Pisa. Tel. 050501463. movimentoinactor@tiscalinet.it, www.movimentoinactor.it

20131029-115347.jpg

By