Domenica raffica di multe sul litorale. Pieragnoli: “Regole si, accanimento no”

PISA – Confcommercio fa la voce grossa rispetto alle molte sanzioni eseguite sul litorale pisano nella giornata di domenica. Rispetto delle regole si, accanimento no. E’ il direttore della Confcommercio di Pisa Federico Pieragnoli a lanciare un appello al comandante della Polizia Municipale Michele Stefanelli, alla luce della raffica di multe emesse dalla polizia municipale nella giornata di domenica.

E’ a tutti evidente che la polizia municipale svolge il proprio lavoro e questo non si discute” – spiega in premessa il manager della Confcommercio di Pisa. “E’ altrettanto vero però che pendolari e turisti che vogliono vivere e godere a fondo il litorale pisano nella bella stagione, si trovano costretti a dover combattere strenuamente con parcheggi scarsi e costosi. E’ una dato oggettivo, che provoca una miscela esplosiva che può talvolta indurre a comportamente scorretti, soprattutto coloro, e sono tantissimi, che amano e hanno scelto la costa pisana per trascorrere l’estate. Parliamo a ragion veduta, visto che come associazione abbiamo presentato da tempo progetti concreti, fattibili e realistici proprio per superare questa carenza strutturale e aumentare in modo significativo i posti auto sul litorale, senza ottenere finora riscontro alcuno. Intanto, negozi e strutture ricettive, locali e stabilimenti balneari riescono a vivere e ad investire proprio grazie alla presenza di tanti frequentatori, che rappresentano un indiscutibile valore economico e non solo, da preservare assolutamente. Servizi e accoglienza sono le parole chiave per ogni località turistica e dovrebbero esserlo anche per il nostro litorale. Putroppo, è facile constatare una clamorosa assenza di servizi e investimenti pubblici, parcheggi compreso, che certo non agevolano comportamenti virtuosi”.

E allora facciamo appello al buonsenso del comandante Stefanelli” – conclude Pieragnoli – “affinchè le regole siano fatte rispettare, ma allo stesso tempo evitando ogni forma possibile di accanimento ai danni di turisti e pendolari, per la gran parte famiglie, che con la loro presenza testimoniano gradimento per il litorale pisano. Che a monte ci siano scelte politiche completamente sbagliate è fuori discussione, ma su questo aspetto ci siamo già espressi chiaramente”.

By