Domenica sull’Arno Pisa e Livorno si sfidano a colpi di remi

PISA – Un’edizione inedita della regata del Capodanno Pisano quella che si terrà domenica 29 marzo sulle acque dell’Arno. L’equipaggio pisano, selezionato tra le quattro barche del Palio storico di San Ranieri, sfiderà l’equipaggio di Livorno.

regata02

Oltre alla competizione agonistica la manifestazione sarà l’inizio di un rapporto più stretto tra le due città per far crescere la disciplina del canottaggio a sedile fisso.

LE CONDIZIONI DEL FIUME. La regata si svolgerà Arno permettendo. Giovedì notte a Pisa è passata una piccola piena che ha toccato i 2 metri, comunque lontana dalla soglia di allerta di 4 metri. I livelli sono già in calo e per domenica sera, se le previsioni di bel tempo saranno corrette e non ci saranno ulteriori piogge, tutto dovrebbe tornare alla normalità.

LA GARA. Partenza alle 18.30 prima del Ponte di Mezzo con arrivo allo Scalo dei Renaioli, per un totale di 700 metri circa. Le barche che saranno utilizzate sono quelle del Palio di San Ranieri. Ogni squadra è composta da 9 atleti, 8 ai remi e 1 al timone. Al termine si svolgeranno le premiazioni. E nei prossimi mesi nelle acque della città labronica la rivincita.

L’EQUIPAGGIO CROCIATO. L’equipaggio di Pisa è formato da: Primo Andrea Cini al timone (canottieri San Francesco), Sasha Sicurani (canottieri Billy), Lorenzo Cini (canottieri San Francesco), Alessio Del Carratore (canottieri Billy), Fabio Marsigli (canottieri San Francesco), Vito Saggese (canottieri San Francesco), Raffaele Matteoni (canottieri Billy), Michele Orsitto (canottieri San Francesco), Alessio Mollica (canottieri Licio Giacomelli)

L’EQUIPAGGIO LABRONICO. L’equipaggio di Livorno è formato dagli atleti tesserati per A.S.D. Canottieri Stazione, selezionati da Luca Marconi, delegato di Livorno della Federazione Italiana Canottaggio a sedile fisso. Al timone Andrea Pellegrini (che era sul galeone pisano alle Repubbliche Marinare). L’imbarcazione a 8 remi è composta da Filippo Mannucci, Francesco Meoni, Matteo Pedani; Jonathan Bulfon, Manuel Del Bimbo; Federico Ferroni, Michele Ferretti e Cristiano Novelli

By