Don Bosco. Detenuto tenta il suicidio in carcere

PISA – Si è sfiorata la tragedia martedì 23 luglio quando, nel carcere di Pisa intorno alle ore 21, un detenuto magrebino ha tentato di togliersi la vita impiccandosi con una corda rudimentale.

L’uomo è stato salvato in extremis dagli agenti della Polizia Penitenziaria,
strappandolo da morte certa. Successivamente Il detenuto è stato prontamente ricoverato nell’infermeria del carcere per valutare le sue condizioni fisiche.

Solo Il tempestivo e provvidenziale intervento della Polizia Penitenziaria, ha consentito di salvare la vita del detenuto recluso nella sezione “Giudiziario” del Don Bosco, altrimenti avremmo parlato, di un ennesimo suicidio in carcere da aggiungere alle statistiche. A detta della segreteria provinciale della UIL POLIZIA PENITENZIARIA di Pisa, gli Agenti
meritano un plauso poiché, con dedizione, professionalità e accortezza, evitano i gesti estremi e continuano a garantire quotidianamente uno standard di ordine e di sicurezza che costituisce una condizione imprescindibile per il lavoro proficuo di tutti gli operatori
penitenziari.

La segreteria della UIL POLIZIA PENITENZIARIA di Pisa volge anche un appello al ministro della Giustizia al quale chiede di assumere provvedimenti tangibili ed efficaci per la Regione Toscana.

By