Don Bosco. Sequestrati stupefacenti ad un detenuto

PISASabato 10 Ottobre, gli uomini della Polizia Penitenziaria del Carcere “Don Bosco” di Pisa, grazie all’ausilio delle unità cinofile della Guardia di Finanza della provincia , hanno scoperto e sequestrato degli stupefacenti a base oppiacea. Questi erano stati portati da un familiare di un detenuto ammesso a sostenere un colloquio.

Sull’episodio è intervenuta la Segreteria Territoriale della UIL Polizia Penitenziaria: “Questo ennesimo rinvenimento di stupefacente destinato a detenuti, scoperto e sequestrato in tempo, grazie all’alto livello di professionalità e attenzione della Polizia Penitenziaria pisana, evidenzia come sia reale e costante il serio pericolo che si tenti di introdurre illecitamente sostanze stupefacenti in carcere. Ogni giorno la polizia penitenziaria porta avanti una battaglia silenziosa per evitare che dentro le carceri italiane si diffonda uno spaccio sempre più capillare e drammatico, stante anche l’alto numero di tossicodipendenti tra i detenuti. Questo fa comprendere come l’attività di intelligence e di controllo del carcere da parte della Polizia Penitenziaria sia fondamentale”.

Inoltre a tutto il personale delle Fiamme Gialle e della Polizia di Stato vanno le attestazioni di stima e apprezzamento, per la costante collaborazione stretta tra i diversi comandi.

By