Il doppio ex. Filippo Porcari: “Carpi-Pisa gara da tripla”

PISA – Alla vigilia della sfida tra Carpi e Pisa SestaPorta/Pisanews ha contattato un doppio ex, Filippo Porcari, che ha giocato nel Pisa in C/1 nel 2004/05 collezionando 20 presenze, e nel Carpi per due anni, dal 2013 al 2015 in serie A e B disputando complessivamente 77 presenze e mettendo a segno anche una rete.

di Maurizio Ficeli

Filippo Porcari e’ nativo di Fidenza, in provincia di Parma, classe 1984, alto cm.1,76 per 76 kg.di peso. Porcari, attualmente, milita nella Cremonese, squadra di Lega Pro seconda in classifica, che si trova nello stesso girone del Livorno e dove ci sono anche Stefano Scappini e Francesco Stanco, ex nerazzurri.

D. Ciao Filippo e grazie per aver accettato l’invito del nostro portale: cominciamo con la tua esperienza nella Cremonese, come sta andando?

R. “Direi molto bene, abbiamo vinto 4 partite, anche se purtroppo, domenica scorsa, abbiamo perduto in casa un derby molto sentito come quello contro il Piacenza, gara “dell’anno” per la tifoseria cremonese. Adesso ci stiamo preparando ad un ‘altra gara importante, in quanto lunedì affronteremo l’Alessandria”.

D. Tu sei un ex del Pisa e li a Cremona ci sono altri due ex nerazzurri, Scappini e Stanco: vi è capitato di parlare delle vostre esperienze all’ombra della Torre Pendente?

R. “Sì, in special modo con Stefano Scappini ho avuto modo di parlare dell’esperienza di Pisa e dell’ambiente. Lui, tra l’altro non sapeva che anche io avevo giocato nel Pisa”.

D. Che idea ti sei fatto di questa situazione che c’è a Pisa in questo momento?

R. “Premesso che a Pisa ci sono tutti gli elementi per fare grande calcio, sicuramente non è una bella situazione per i giocatori, ma potrebbe per loro, paradossalmente, essere di stimolo per fare un buon campionato e vedo che lo stanno facendo, perchè sono un’ottima squadra guidata da un ottimo allenatore come Gattuso che trasmette loro grinta e coraggio”.

D. Al di là del complesso, ci sono alcuni giocatori che ti hanno colpito in particolare del team nerazzurro?

R. “Io ho giocato con Samir Ujkani, Andrea Lisuzzo ed Edgar Cani e ti posso dire che sono tre ottimi giocatori. Con Lisuzzo ed Ujkani, tra l’altro, ho vinto tre campionati di fila nel Novara, dalla serie C alla serie A, quindi li conosco come grandi persone ed ottimi professionisti”.

D. Cosa altro puoi aggiungere riguardo a loro?

R. “Andrea Lisuzzo è un guerriero, capace di trasmettere sicurezza, forte anche dell’esperienza dell’età, poi c’e Edgar Cani, grande giocatore nel reparto avanzato, e poi Samir Ujkani, il quale è stato uno dei migliori portieri con cui ho condiviso successi, insieme a Gabriel del Milan, che ho avuto come compagno nel Carpi, questo, senza nulla togliere ad altri portieri che ho avuto come compagni nella mia carriera calcistica”.

D. A proposito del Carpi, altra tua ex squadra, che il Pisa affronterà lunedì 3 ottobre in posticipo serale che esperienza hai vissuto nella cittadina emiliana?

R. “A Carpi ho vinto un campionato di serie B, lì è stata una bella esperienza, c’è stato un ottimo rapporto di gruppo con i compagni di squadra, e poi a Carpi c’e una dedizione settimanale al lavoro negli allenamenti che è molto importante. Quindi sicuramente i nerazzurri troveranno un avversario difficile, anche se il Pisa darà sicuramente filo da torcere agli emiliani, visto le partite che sta facendo. A mio avviso, non è assolutamente facile affrontare una squadra quadrata come il Pisa. Sì, indubbiamente la situazione societaria è un problema, che i giocatori nerazzurri, però, stanno portando a loro favore, non è facile, ripeto, ma loro fino ad ora, son stati bravi in questo, basta vedere i successi acquisiti fino ad ora in campo, non ultimo, quello con l’Ascoli di sabato scorso”.

D. Te la senti da doppio ex di fare un pronostico su questo posticipo fra Carpi e Pisa?

R. “No, sul risultato non mi sbilancio, prevedo una gara da tripla”.

La Foto sopra e’ tratta da www.serieB24.com

By